venerdì 02 dicembre | 20:43
pubblicato il 11/lug/2011 18:14

Salerno, sequestrata azienda lavorazione metalli a Pontecagnano

L'azienda era sprovvista delle autorizzazioni

Salerno, sequestrata azienda lavorazione metalli a Pontecagnano

I militari della Guardia Costiera della capitaneria di porto di Salerno hanno sequestrato un'industria che produce metalli a Pontecagnano. Per l'azienda "Officine Noschese", si tratta del secondo sequestro nel giro di un mese. A inizio giugno erano stati posti i sigilli con l'accusa di scaricare in un torrente che confluisce nel mare salernitano i reflui di lavorazione. L'impianto che principalmente si occupa della zincatura dei metalli, era ritornato ad operare a pieno ritmo dopo il dissequestro dell'opificio; ora dopo due settimane il nuovo stop. Secondo gli investigatori l'azienda era sprovvista delle autorizzazioni prescritte per svolgere la propria attività, in particolare della valutazione di impatto ambientale. L'azienda inoltre avrebbe continuato indebitamente a sversare in condutture abusive i reflui rossastri provenienti dalla lavorazione dei metalli.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari