giovedì 23 febbraio | 06:01
pubblicato il 09/lug/2011 15:59

Saldi, a Pozzuoli negozi vuoti: meglio andare al mare

I clienti si lamentano dei prezzi alti

Saldi, a Pozzuoli negozi vuoti: meglio andare al mare

I cartelli "Saldi" ci sono, mancano però i clienti davanti alle vetrine e alla cassa dei negozi. A Pozzuoli la stagione delle svendite estive parte senza successo, come già era accaduto in inverno: un segnale negativo per il commercio locale da tempo in crisi, soprattutto nel centro storico. Il calo delle vendite, dicono i negozianti, si avverte di più nel fine settimana, quando si preferisce la spiaggia.I clienti invece si lamentano dei prezzi: meglio fare acquisti a Napoli.Le associazioni Confesercenti, Ascom e Cassa artigiani già da un anno hanno lanciato l'allarme: la colpa della penuria di clienti in centro sarebbe della mancanza di parcheggi, ma anche del traffico, delle strade interrotte o a senso unico che rendono difficile raggiungere i negozi della piazza e portano i clienti a ripiegare sui centri commerciali, più comodi a livello logistico.

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech