domenica 04 dicembre | 07:52
pubblicato il 10/mar/2015 20:14

Sala: infrastruttura di Expo al 90%, pochi padiglioni in ritardo

"Mancano poco più di 50 giorni al via, sono soddisfatto"

Sala: infrastruttura di Expo al 90%, pochi padiglioni in ritardo

Milano (askanews) - A circa 50 giorni dall'inaugurazione

dell'Expo 2015 le infrastrutture sono quasi finite e solo quattro

o cinque dei 60 padiglioni rischiano di non finire i lavori entro

il primo maggio. Lo assicura Giuseppe Sala, commissario unico

dell'Expo 2015. "Non si può dire una percentuale esatta, ma siamo al 90% per le infrastrutture. Le cose vanno avanti bene, sono soddisfatto. Oggi ho fatto la mia visita quotidiana e sono soddisfatto. I

padiglioni, ogni giorno che passa, cambiano di aspetto e molti

stanno già lavorando all'interno".

Sala ha annunciato anche la visita nel cantiere del presidente del Consiglio, Matteo Renzi. "Non sappiamo se giovedì o venerdi. Farà un sopralluogo, ma sarà anche un modo per vedere lo stato di avanzamento dei lavori. Vorremmo anche metterlo a confronto con chi lavora. E' una cosa molto importante, di grande stimolo per tutti, vedere il presidente del Consiglio in questa fase. Ricordo che dopodomani saremo a 50 giorni dall'Expo".

Intanto si è conclusa l'iniziativa Tavoli Expo della Camera di commercio che ha portato in cinque anni all'elaborazione di 800 progetti di imprese legati all'esposizione universale.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari