lunedì 16 gennaio | 14:39
pubblicato il 09/nov/2012 10:12

Ruby2/ Fede: Sono qui per vedere che succede, aspetto sentenza

Ex direttore Tg4 per la prima volta in aula

Ruby2/ Fede: Sono qui per vedere che succede, aspetto sentenza

Milano, 9 nov. (askanews) - ''Sono venuto oggi in tribunale da cronista, per vedere cosa succede''. Lo ha spiegato Emilio Fede prima di entrare nell'aula dove si celebra il processo sul caso Ruby che lo vede imputato assieme a Nicole Minetti e Lele Mora. A chi gli chiedeva cosa si aspetta da questo processo, Fede ha risposto con un sorriso: ''La sentenza''. Riguardo alla possibilita' che rendesse oggi dichiarazioni spontanee, come era stato anticipato nei giorni scorsi, l'ex direttore del Tg4 ha chiarito che ''non rilascera' dichiarazioni'' oggi davanti ai giudici. Ai cronisti che gli chiedevano conto di alcune affermazioni rilasciate nei giorni scorsi riguardo a sue difficolta' economiche, il giornalista, scherzando ha detto: ''Ho la tosse e la bronchite e non ho nemmeno i soldi per comprarmi caramelle e medicine".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Trump avverte Merkel su commercio: troppe Mercedes negli Usa
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
On line il sito del Fondo Astoi a tutela dei viaggiatori
Energia e Ambiente
Energia, Bellanova: Italia con Enea all'avanguardia internazionale
Moda
Milano Moda uomo, i quadri viventi di Antonio Marras
Scienza e Innovazione
Spazio, lanciato razzo di SpaceX dopo l'esplosione di settembre
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Anas: nel 2016 traffico in crescita, su tutta la rete +2,45%