martedì 28 febbraio | 18:25
pubblicato il 31/mar/2011 13:10

Ruby/ Procura generale contro giudici: niente tv in aula

Revocata in sostanza l'ordinanza che ammetteva la Rai

Ruby/ Procura generale contro giudici: niente tv in aula

Milano, 31 mar. (askanews) - Non ci sarà nessuna telecamera in aula a riprendere le fasi del processo per il caso Ruby, nel quale il presidente del consiglio Silvio Berlusconi è imputato di concussione e favoreggiamento della prostituzione minorile. L'ordinanza del presidente del collegio giudicante Giulia Turri, che ammetteva la Rai che avrebbe ceduto gratis le immagini a emittenti di tutto il mondo, è stata in sostanza revocata da poche righe firmate dall'Avvocato generale dello Stato Laura Bertolè Viale e dal procuratore generale Manlio Minale, responsabili della sicurezza nel palazzo. Bertolè Viale (poi confermata da Minale) ha revocato tutti i permessi in precedenza accordati a cineoperatori, fotografi e cameramen per entrare in tribunale nei giorni del 4 aprile (udienza preliminare Mediatrade con possibile presenza del premier), 5 aprile e 6 aprile, giorno di inizio del processo Ruby, anche se si tratterà di un'udienza di mero smistamento. Saranno però consentite le registrazioni audio. Avvocato generale e procura generale hanno dato ragione alla posizione del procuratore capo Edmondo Bruti Liberati, che si era espresso da subito contro la presenza delle telecamere in aula. Così fotografi e operatori tv non potranno accedere nemmeno ai corridoi limitrofi all'aula grande del primo piano, dove si svolgerà il processo al premier per la vicenda Ruby. E' stato loro vietato l'ingresso nel palazzo di giustizia "per ragioni di sciurezza", come è nelle prerogative della procura generale della Repubblica. L'unico processo a Berlusconi in cui sono ammesse le telecamere è quello sui diritti tv di Mediaset, ma nel caso in cui alla prossima udienza, l'11 aprile, lunedì, il premier decidesse di partecipare, la procura generale potrebbe replicare il contenuto dell'ordinanza emesso in relazione al caso Ruby. Mediatrade, udienza preliminare è per definizione a porte chiuse. Nel processo per la presunta corruzione di Mills, i giudici hanno mantenuto in vigore la decisione assunta dai loro colleghi che giudicarono il legale inglese: a garantire la pubblicità del dibattimento bastano i giornalisti della carta stampata. All'origine della decisione c'è la differenza tra comunicazione e diffusione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Campidoglio
Roma, chiesto il giudizio immediato per Marra e Scarpellini
Firenze
Spari a auto dell'imprenditore amico di Renzi, 2 arresti a Firenze
Gay
Riconosciuta a coppia gay paternità 2 nati con maternità surrogata
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech