martedì 17 gennaio | 04:07
pubblicato il 25/gen/2011 14:58

Ruby/ Fonti pm: indagine rispetta prerogative parlamentari

"Accertamenti partiti da cellulari non da casa premier"

Ruby/ Fonti pm: indagine rispetta prerogative parlamentari

Milano, 25 gen. (askanews) - "Accertamenti partiti da singoli cellulari e non dalla villa di Arcore". Lo dicono fonti della procura di Milano in relazione a critiche all'inchiesta arrivate dalle indagini difensive svolte dai legali del premier secondo le quali sarebbero state violate le prerogative dei parlamentari. L'inchiesta sul caso Ruby, nella quale Silvio Berlusconi è indagato per concussione e prostituzione minorile, operativamente avrebbe interessato, stando alla ricostruzione della procura, in modo diretto solo i tabulati dei telefoni delle ragazze ospiti nella villa di Arcore, in modo da seguire i loro spostamenti a seconda delle celle telefoniche agganciate.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello