domenica 19 febbraio | 16:15
pubblicato il 14/gen/2014 12:15

Ruby-bis: Mora ricorre in appello, mai favorito prostituzione ad Arcore

Ruby-bis: Mora ricorre in appello, mai favorito prostituzione ad Arcore

(ASCA) - Milano, 14 gen 2014 - Lele Mora ha partecipato soltanto a ''due o tre serate'' organizzate da Silvio Berlusconi nella sua residenza di Arcore, e lo ha fatto con l'obiettivo di ''promuovere i suoi artisti, non certo quello di indurne o favorirne la prostituzione''. Lo scrivono gli avvocati Nicola Avanzi e Gianluca Maris, difensori dell'ex talent scuot dei vip, nel ricorso da presentare in Appello contro la sentenza di primo grado del processo soprannominato Ruby-bis. I legali chiedono innanzitutto di ''annullare la sentenza'' emessa nei confronti di Mora (condannato a 7 anni insieme ad Emilio Fede) e di ''dichiarare la propria incompetenza ed ordinare la trasmissione degli atti al giudice di primo grado competente, individuato nel Tribunale di Monza''. La richiesta e' insomma quella di ''assolvere Dario Mora dai reati a lui ascritti perche' il fatto non sussiste o non costituisce reato''.

Secondo i difensori dell'ex agente dei vip, dagli atti del processo ''non risulta da alcun elemento che Mora abbia indotto o favorito la prostituzione informando i propri artisti di pagamenti di corrispettivi in denaro o altra utilita' per le serate presso la residenza di Silvio Berlusconi''. Anche perche' Mora non ha preso parte a tutti i festini di Arcore. Anzi, a giudizio dei suoi avvocati la sua presenza ''e' circoscrivibile a solo 2/3 serate e si e' limitata all'esibizione della propria artista (Maria Magdum) o alla consumazione di una bevanda e comunque e' rimasta all'interno di quella che e' stata indicata come la prima delle fasi (la piu' neutra) in cui dette serate si articolavano''. Come dire che Mora non ha mai assistito personalmente a scene di sesso secondo i suoi difensori che specificano ancora: ''Mai egli ha assistito a pagamenti o a consegne di buste di denaro''.

I legali di Mora negano che sia stato il loro assistito a introdurre Ruby ad Arcore: ''Non c'e' prova, ne' testuale ne' logica - scrivono gli avvocati Avanzi e Maris - che faccia ritenere che detto suo accompagnamento sia stato realizzato da Mora, congiuntamente a Fede, nell'ambito di un sodalizio criminoso finalizzato allo scopo di indurre (o favorirne) la stessa a prostituirsi''. Stesso discorso sulla minore eta' della giovane: ''Karima mai ha detto a Mora di essere minorenne e Mora lo ha appreso solo successivamente''.

fcz/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia