domenica 19 febbraio | 20:10
pubblicato il 23/set/2013 14:23

Roma/Rifiuti: Presidio No Discarica, Zingaretti agita spettro populismo

(ASCA) - Roma, 23 set - Il Presidio 'No Discarica Divino Amore' ''liquida seccamente le parole del governatore del Lazio che, questa volta, con una retorica paternalistica di bassissimo profilo si scomoda ad agitare lo spettro del populismo, o meglio, di paure ingiustificate che sarebbero cavalcate dal populismo. Al governatore - spiegano i rappresentanti del Presidio - replichiamo che qui non si tratta di populismo ma di legittima difesa di una comunita' che sta lottando per quanto c''e' di piu' sacro e inviolabile, ovvero la salvaguardia dell'ambiente e il diritto al futuro degli abitanti. Al governatore Zingaretti non e' bastato la manifestazione di oltre 15 mila persone per comprendere che e' la gente a dire 'no' a Falcognana.

Evidentemente la parola democrazia non fa parte del suo vocabolario visti i reiterati e gia' denunciati comportamenti dispotici messi in atto''. ''Nel merito - precisa il Presidio - il governatore e la sua giunta sono portatori di politiche pubbliche sterili che contrasteremo sempre e dovunque.

Politiche che sono causa di danni ambientali irreversibili e irreparabili a cui presto dovra' dar conto. Sul comitato di controllo, abbiamo gia' risposto al suo assessore. Oggi sembra una barzelletta, se non uno specchietto per le allodole. Una roba del genere sarebbe comica se non fosse drammatica''.

''Zingaretti prenda atto che la primavera a Roma e' cominciata il 21 settembre e che la nascita dell'Assemblea popolare costituente per l'Ambiente e la difesa dei diritti con oltre 10.000 partecipanti imprime una svolta storica per la tutela dell'ambiente, dell'ecosistema e della biodiversita', in vista dell'affermazione di un'autentica giustizia ecologica. Sappia Zingaretti che Il Presidio non fa nessun passo indietro. La discarica a Falcognana non passera' mai. Anzi, si preoccupi il governatore di verificare tutte le autorizzazioni pregresse e rilasciate per le attivita' dell'esistente discarica. Il modello autoritario, antidemocratico e privo di qualsiasi trasparenza, tipico della sua azione su Falcognana, non ci spaventa, anzi , ci rafforza nel convincimento di essere interpreti di una battaglia giusta e come tale doverosa e irrinunciabile''.

''Se come sembra e' una prova di forza quella che cerca il governatore gliene daremo occasione il 30 settembre, quando di fronte al presidio vedra' un muro di gente contro la nuova Malagrotta. Migliaia di persone - conclude il Presidio - per sfiduciare una politica ormai moribonda e soprattutto lontana anni luce dalla gente''. Bet/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia