martedì 28 febbraio | 16:43
pubblicato il 09/ott/2013 15:08

Roma/Rifiuti: Presidio Divino Amore, no a discarica e basta con Ecofer

(ASCA) - Roma, 9 ott - ''Il silenzio di questi giorni unito all'incertezza della firma del ministro dell'Ambiente Andrea Orlando devono richiamare tutti ad una nuova mobilitazione generale straordinaria. Purtroppo, non sono ammessi rilassamenti di sorta. Intanto, chiediamo ufficialmente al ministro di pronunciarsi sulla vicenda, tenuto conto del mancato interpello del MIBAC e dell'allarme lanciato dall'Enac. Questa incertezza, logora le vite dei cittadini dell'agro romano e noi non lo permettiamo. Dica il ministro subito no a Falcognana''. E' quanto dichiara il Presidio No discarica Divino Amore.

''Peraltro - continua la nota - il sindaco di Roma Ignazio Marino e i suoi accoliti hanno chiarito che nelle loro intenzioni 'criminali' individuano la Falcognana quale sito residuale destinato a risolvere eventuali emergenze. Il Presidio ribadisce il proprio fermissimo no e rilancia: 'E' tempo ormai di chiudere e bonificare la discarica Ecofer, perche' i cittadini del quadrante hanno sopportato fin troppo questa violenza nel loro territorio'. Abbiamo deciso sotto l'insegna della costituzione della Repubblica di riappropriarci della nostra terra e dei diritti che da essa discendono, diritto alla salute diritto all'ambiente e quindi diritto al futuro. Per queste sacrosante motivazioni il Presidio, agendo in autodifesa, ha organizzato per mercoledi' 16 novembre 2013 un corteo che alle ore 18 partira' dal Presidio di Via Ardeatina chilometro 13,5 per raggiungere la sede amministrativa e legale Ecofer di Via Pian Savelli, (traversa di Via della stazione di Pavona, Palazzo Morgana Roma), dove rivendicheremo con forza i nostri diritti costituzionali, ferma la salvaguardia e la tutela dei lavoratori dell'impresa''. ''Ecofer, malgrado tutte le rassicurazioni e le trattative tenutesi nascoste, e' una devastazione territoriale dell'Agro Romano che non siamo piu' disposti a permettere. Questa e' la gente della Falcognana che si ribella al dominio del profitto. Al termine della manifestazione - conclude il Presidio - saranno liberate verso il cielo le lanterne della nostra indignazione, le lanterne del giusto diritto, le lanterne della definitiva liberazione della Falcognana da Ecofer e da tutti i suoi affari gestiti e causa di danni irreversibili per la nostra comunita'''. com-bet/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Campidoglio
Roma, chiesto il giudizio immediato per Marra e Scarpellini
Firenze
Spari a auto dell'imprenditore amico di Renzi, 2 arresti a Firenze
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Spazio, ExoMars: Tgo si prepara a nuovi test degli strumenti
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech