sabato 03 dicembre | 12:35
pubblicato il 02/mag/2012 19:20

Roma, un flash mob contro la violenza sulle donne: "Femminicidio"

Protesta a Montecitorio: "Non chiamateli più delitti passionali"

Roma, un flash mob contro la violenza sulle donne: "Femminicidio"

Roma (askanews) - Una protesta con 55 cartelli, uno per ogni donna uccisa da un uomo in questi primi mesi del 2012. E' il flash mob andato in scena davanti a Montecitorio a Roma e organizzato da Tilt - rete di collettivi e singoli di sinistra, impegnata da tempo anche sul tema della violenza di genere. "Siamo qui - spiega una delle promotrici - per dire che indignarsi non basta. In questi giorni si leggono di morti delle donne e noi vorremmo dire che per non essere complici serve fare tutti qualcosa. Non vogliamo più sentire solgan ma che vengano prese delle misure serie rispetto a questo che noi chiamiamo femminicidio e non omicidio passionale come spesso accade di leggere sui giornali".Gli aguzzini delle donne sono quasi sempre le persone a loro più vicine: compagni, fratelli, mariti. E per le manifestanti qui si tratta di violenze di matrice psicologica, non culturale. Che mirano alla distruzione, fisica e simbolica, della figura femminile.

Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari