sabato 10 dicembre | 09:57
pubblicato il 19/gen/2011 05:10

Roma, sul comune "tegola" del rating Fitch. Alemanno: Uno stimolo

Agenzia Gb taglia rating. Pd: Fallimento politiche centrodestra

Roma, sul comune "tegola" del rating Fitch. Alemanno: Uno stimolo

Roma, 19 gen. (askanews) - Sul comune di Roma, governato da quasi tre anni da una maggioranza di centrodestra, si abbatte la "tegola" rating. L'agenzia britannica Fitch ha tagliato il rating di lungo termine del Comune di Roma da AA- ad A+, con "prospettive stabili". Ridotto anche il rating di breve termine da F1+ ad F1. Un giudizio relativo ai circa 650 milioni di euro di debiti per mutui e sul futuro indebitamento che grava sul Campidoglio, e che "riflette le persistenti tensioni di liquidità, in parte dovute alla debolezza del bilancio corrente di Roma, in un contesto di prevista crescita del debito, sia del Comune che delle aziende partecipate", spiega l'agenzia. Il sindaco Gianni Alemanno ha commentato così la situazione: "Prendiamo la notizia come stimolo a fare meglio e ad efficientare ulteriormente la gestione, in modo tale da avere delle performance assolutamente corrette". Il sindaco - che ha voluto sottolineare come Fitch abbia mantenuto il rating sul debito delle precedenti amministrazioni, fatto questo definito "importante" - ha spiegato come sulla decisione della società "pesa la situazione di Atac: attendiamo la fine del mese per avere il nuovo Piano industriale perchè attraverso di esso sarà possibile risanare Atac e recuperare questo mezzo punto di rating del Comune di Roma". Anche il neo assessore al Bilancio e allo Sviluppo economico, Carmine Lamanda osserva che la valutazione espressa dall'agenzia può essere letta "come un invito ad accelerare l'opera di complessivo risanamento finanziario di Roma Capitale e il rating può essere recuperato se dimostreremo una forte capacità di reazione". Di diverso avviso Alfredo Ferrari, Vice Presidente della Commissione Bilancio del Comune di Roma: "Il declassamento dei rating a lungo e breve termine per Roma, da parte dell'agenzia Fitch - dichiara - certifica il totale fallimento delle politiche economiche e finanziarie messe a punto dalla gestione Alemanno.L'equilibrio di bilancio più volte annunciato non c'è e la città, stavolta, è realmente prossima al dissesto. Non sono bastati - e non bastano - tre assessori al bilancio per invertire la rotta e incrementare il livello di produttività di Roma. Non bastano gli annunci di politiche atte a stabilizzare le entrate, se poi gli introiti effettivi risultano sempre in difetto rispetto alle stime iniziali e a Roma non resta che una conseguente flessione di liquidità. Non sono bastati - prosegue l'esponente del Pd - tre commissari straordinari per la gestione del Piano di Rientro per avere risultati in grado di rassicurare gli osservatori sulla salute della finanza capitolina. Neanche l'attuale commissario, Massimo Varazzani, che pure vantava un passato nella Cassa Depositi e Prestiti, ha mai dato una indicazione soddisfacente. Visto il quadro - conclude Ferrari si capisce perché il Ministero dell'Economia ha commissariato il Sindaco, imponendo Carmine Lamanda come assessore al bilancio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina