martedì 28 febbraio | 06:40
pubblicato il 24/gen/2012 18:48

Roma, sit-in balneari: Regioni siano con noi per la concorrenza

Vertice sulla questione delle concessioni demaniali marittime

Roma, sit-in balneari: Regioni siano con noi per la concorrenza

Roma (askanews) - Sit-in di una delegazione delle Aziende balneari italiane davanti alla sede di Roma della Regione Marche, per chiedere che le Regioni sostengano la direttiva "Bolkestein" che richiama il principio della libera concorrenza e l'obbligatorietà di indire gare per l'assegnazione di servizi. La manifestazione si è svolta proprio mentre nella sede della Regione si discuteva della delicata questione delle concessioni demaniali marittime.Carlo Monti, presidente Associazione Balneari di Viareggio: abbiamo il riconoscimento della clientela per l'ottimo servizio che diamo, ma evidentemente questo non basta. E sembra che il governo voglia fare una carneficina di queste 30mila aziende per essere sostituite probabilmente dal capitale sporco, dalle finanziarie e dalle multinazionali. Siamo qua per perorare con le Regioni la nostra causa, che ci difendano".

Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech