domenica 26 febbraio | 20:51
pubblicato il 13/dic/2011 09:28

Roma, sgominata banda che falsificava reperti archeologici

Usavano prodotti sanitari radiologici per invecchiare manufatti

Roma, sgominata banda che falsificava reperti archeologici

Roma (askanews) - Anfore, piatti decorati e statue marmoree apparentemente risalenti all'antica Grecia, alla Roma imperiale o agli etruschi, ma in realtà contraffatti abilmente da un gruppo di falsari. I reperti archeologici venivano "invecchiati" utilizzando presidi sanitari radiologici messi a disposizione da uno della banda, di professione infermiere. A scoprire l'organizzazione criminale i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, che hanno eseguito 7 arresti e numerose perquisizioni nei confronti degli appartenenti all'associazione dedita alla truffa e alla contraffazione di manufatti archeologici. Nella rete dei falsari è caduto anche un collezionista che ha acquistato centinaia di reperti archeologici falsi, pagandoli oltre 600.000 euro, oltre a consegnare beni di valore come mobili d'antiquariato e gioielli in permuta per l'acquisto delle opere contraffatte.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech