giovedì 08 dicembre | 15:48
pubblicato il 13/dic/2011 09:28

Roma, sgominata banda che falsificava reperti archeologici

Usavano prodotti sanitari radiologici per invecchiare manufatti

Roma, sgominata banda che falsificava reperti archeologici

Roma (askanews) - Anfore, piatti decorati e statue marmoree apparentemente risalenti all'antica Grecia, alla Roma imperiale o agli etruschi, ma in realtà contraffatti abilmente da un gruppo di falsari. I reperti archeologici venivano "invecchiati" utilizzando presidi sanitari radiologici messi a disposizione da uno della banda, di professione infermiere. A scoprire l'organizzazione criminale i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, che hanno eseguito 7 arresti e numerose perquisizioni nei confronti degli appartenenti all'associazione dedita alla truffa e alla contraffazione di manufatti archeologici. Nella rete dei falsari è caduto anche un collezionista che ha acquistato centinaia di reperti archeologici falsi, pagandoli oltre 600.000 euro, oltre a consegnare beni di valore come mobili d'antiquariato e gioielli in permuta per l'acquisto delle opere contraffatte.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni