martedì 17 gennaio | 14:33
pubblicato il 30/dic/2013 18:07

Roma: raro parto plurigemellare al Gemelli, mamma e neonati stanno bene

(ASCA) - Roma, 30 dic Questa mattina nella Sala Parto del Policlinico universitario A. Gemelli di Roma sono venuti alla luce quattro gemellini (Elia, Francesca, Camilla, Anna).

Mamma e bimbi sono in buone condizioni considerata l'importante prematurita'. L'eccezionale parto plurigemellare - fa sapere il Policlinico - e' avvenuto alla 30a settimana di gestazione con taglio cesareo eseguito presso il Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente, del Bambino e dell'Adolescente. La giovane neo mamma Laura, proveniente da Foligno insieme al neo papa' Moreno, era stata ricoverata al Gemelli il 15 dicembre 2013 per iniziale gestosi.

I parti plurigemellari (da tre neonati in su) sono rari: infatti sono quadrigemine (4 gemelli), come nel caso del parto avvenuto oggi al Policlinico Gemelli, circa 1 su 730.000 nascite.

''Abbiamo deciso oggi di far nascere i quattro gemelli - spiega Antonio Lanzone, direttore della UOC di Patologia Ostetrica - sulla base delle condizioni materne, che pur denotando una non normalita' di alcuni parametri ci hanno consentito, sotto stretta osservazione, di poter programmare il momento in cui l'assistenza neonatologica sarebbe stata ottimale, considerando anche l'epoca gestazionale di 30 settimane, che per una gravidanza quadrigemina rappresenta sostanzialmente la sua naturale evoluzione. In questa circostanza, encomiabile e' stato lo sforzo comune del personale della Unita' di Patologia Ostetrica e particolarmente dei colleghi neonatologi della Terapia Intensiva Neonatale che sono riusciti in una organizzazione veramente difficile''. Ora i neonati sono affidati alle cure dell'equipe di Costantino Romagnoli, Direttore della UOC di Neonatologia del Gemelli, che spiega: ''E' difficile ora prevedere la durata della degenza e soprattutto le patologie che potranno presentare, ma l'inizio non e' tutto in salita come si poteva sospettare. Fra 7-10 giorni sara' possibile avere le idee piu' chiare sul futuro. Per ora non possiamo che curarli nel migliore dei modi possibile. Possiamo solo dire che la differenza di peso alla nascita, fra gli 800 e i 1400 grammi, non permettera' il ritorno a casa di tutti i fratellini insieme''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Criminalità
Assalti ai bancomat in Veneto e Lombardia: 15 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Vola il mercato dell'auto nel 2016, crescita a due cifre per Fca
Enogastronomia
In Cina il liquore invecchia nelle canne di bambù
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda Milano, guardaroba Trussardi per l'uomo s'ispira ai tarocchi
Scienza e Innovazione
Spazio, quando Cernan disse: un sognatore tornerà sulla Luna
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa