mercoledì 25 gennaio | 00:52
pubblicato il 17/dic/2013 13:47

Roma: polizia fa scattare vasta operazione contro narcotraffico

Roma: polizia fa scattare vasta operazione contro narcotraffico

(ASCA) - Roma, 17 dic - La Squadra Mobile di Roma e la Polizia di Frontiera Aerea di Fiumicino e di Verona hanno svolto un'articolata attivita' d'indagine, coordinata dalla DDA di Roma, nei confronti di un'organizzazione criminale transnazionale che importava in Italia ingenti quantitativi di droga proveniente dal Messico.

Le indagini, condotte anche in collaborazione con la Drug Enforcement Agency statunitense, hanno consentito di smantellare uno dei principali cartelli della droga messicani, quello di ''Guadalajara'', noto alle cronache per l'efferatezza e la crudelta' dei suoi componenti.

Il gruppo messicano dell'organizzazione criminale individuava e reclutava per lo piu' giovani donne, le riforniva di cocaina e ne organizzava il viaggio in Italia e negli Stati Uniti.

I corrieri della droga riuscivano cosi' ad importare dai 15 ai 30 chili per volta di sostanza stupefacente abilmente occultata all'interno dei loro bagagli a mano.

L'organizzazione aveva al suo interno un abile ''reclutatore'' con l'incarico specifico di selezionare in Messico le ''Chicas'' da destinare poi al trasporto dello stupefacente.

Le ''Chicas'' venivano poi scortate da altri componenti dell'organizzazione dal Messico fino alla Repubblica Dominicana dove ricevevano in custodia la cocaina. Le partite di droga erano pagate in contanti ai corrieri dell'organizzazione che, effettuato il trasporto, ripartivano alla volta del Messico con al seguito le ingenti somme di denaro. L'attivita' investigativa ha tratto origine dall'arresto delle cittadine messicane G.D.D.M. e M.P.K.B., corrieri di un ingente quantitativo di cocaina trasportato nei loro bagagli a mano e abbandonato nei bagni dell'aeroporto di Verona. I corrieri avrebbero dovuto consegnare la droga a F.P. di Torre Annunziata (Na), referente italiano dell'organizzazione, destinatario di misura restrittiva e gia' ricercato in ambito internazionale per reati inerenti il traffico di stupefacenti. Lo stesso e' noto alle cronache come il ''broker della cocaina per conto dei clan vesuviani''.

L'attivita' investigativa, corroborata da intercettazioni telefoniche ed ambientali e da approfondite analisi del traffico telefonico, ha consentito di sequestrare circa 100 chili di cocaina destinata ad approvvigionare il mercato gestito dai clan del Vesuviano.

red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Maltempo
Recuperato altro corpo in hotel Rigopiano, vittime salgono a 16
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4