martedì 24 gennaio | 06:53
pubblicato il 17/lug/2011 15:24

Roma, per 6 volte in pronto soccorso ma viene rifiutato: è morto

In 4 diversi ospedali. Polverini chiede una verifica alla Asl

Roma, per 6 volte in pronto soccorso ma viene rifiutato: è morto

Roma, 17 lug. (askanews) - Una tragica odissea con esito mortale: vittima Giorgio Manni, 51 anni, muratore, agli arresti domiciliari per "una piccola storia di droga". L'uomo, riporta oggi il quotidiano Il Messaggero, per sei volte è andato al pronto soccorso, in quattro differenti ospedali di Roma, perchè si sentiva male, aveva difficoltà respiratorie, forti dolori ai reni. Per cinque volte è stato rimandato a casa sollecitando una terapia domiciliare dopo avergli fatto una flebo, qualche puntura, misurata la pressione. L'ultima corsa - riferisce il quotidiano - in autoambulanza in un pronto soccorso in cui, davanti a Giorgio cianotico, il medico capisce la gravità della situazione. L'uomo viene trasferito al policlinico di Tor Vergata, dove avrebbe dovuto essere operato d'urgenza per un versamento polmonare e dove, il 15 luglio, è morto. A denunciare la vicenda è la sorella. La presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ha chiesto alla direzione sanitaria della Asl RmG di attivare immediatamente una commissione d'inchiesta sul decesso di Manni. "Ho contattato il direttore sanitario - spiega Polverini in una nota - e ho sollecitato l'avvio immediato di una verifica affinché si faccia piena chiarezza su quanto accaduto negli accessi al Pronto soccorso". Sulla vicenda è intervenuto anche Francesco Proietti Cosimi, deputato di Futuro e Libertà, che annuncia che avanzerà una richiesta alla Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori e i disavanzi sanitari "affinché si faccia chiarezza sulla vicenda". "Come è possibile - si chiede in una nota - che un uomo recatosi per sei volte al pronto soccorso venga rimandato puntualmente a casa, fino all'ultima in cui è morto? L'inaccettabile giustificazione del personale sanitario sembra appigliarsi - prosegue - al sovraffollamento delle strutture di cura laziali, ma ciò, avendo causato la morte di un essere umano, è assolutamente inaccettabile".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4