lunedì 23 gennaio | 07:33
pubblicato il 19/gen/2013 11:39

Roma: operazione Carabinieri, 4 arresti per traffico stupefacenti

Roma: operazione Carabinieri, 4 arresti per traffico stupefacenti

(ASCA) - Roma, 19 gen - I Carabinieri della Compagnia Roma Parioli in collaborazione con i Carabinieri del Nucleo Cinofili, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale di Roma su proposta del Sostituto Procuratore Antonino Di Maio, nei confronti, di 4 uomini, romani, di eta' compresa tra i 20 e 36 anni accusati di appartenere ad un sodalizio criminale finalizzato alla detenzione ed allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Contestualmente, sono state effettuate diverse perquisizioni domiciliari a carico di ulteriori soggetti indagati nell'ambito del medesimo procedimento. L'operazione, convenzionalmente denominata ''DJ'', si e' sviluppata dall'ottobre del 2011 all'aprile del 2012, ha permesso ai militari di ricostruire e definire le gerarchie di una vera e propria struttura criminale, composta prevalentemente da giovani, di buona famiglia, alcuni dei quali minorenni, ma tutti accomunati tra loro dalla irrefrenabile passione per la musica, le luci e il folle divertimento delle discoteche della ''movida'' romana. Ed e' proprio in questi ambienti, tipici di molti tra i piu' rinomati locali capitolini, che si sviluppava lo spaccio di sostanze stupefacenti ad opera degli odierni indagati, in grado di offrire ai ''giovani del sabato sera'' un'ampia scelta di tipologie di droga, a volte proposta addirittura in funzione di quelle che erano gli specifici temi delle feste di volta in volta organizzate.

Nell'ambito dell'attivita' ''Dj'', che conta complessivamente 17 indagati, sono stati effettuati complessivamente 8 arresti, numerosi soggetti sono stati segnalati all'Autorita' amministrativa quali assuntori di stupefacenti e sono state rinvenute centinaia di dosi, di varie tipologie di sostanze illecite. Inoltre, gli investigatori, nel corso dei vari accertamenti, al termine di un'oculata e laboriosa attivita' di riscontro, sono riusciti ad individuare anche una vera e propria centrale della droga, ricavata all'interno di un abitazione popolare, nella totale indifferenza del vicinato: ingegnosa l'organizzazione interna del laboratorio, caratterizzata, oltre che dalla presenza di comune materiale per il confezionamento dello stupefacente, anche da veri e propri ''strumenti'' artigianali, costruiti direttamente da uno degli arrestati e finalizzati ad agevolare il lavoro di pesatura e pressatura della droga. com-dab/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4