martedì 24 gennaio | 08:26
pubblicato il 09/ott/2013 10:05

Roma: nuove accuse per banda finti poliziotti rapinatori di prostitute

Roma: nuove accuse per banda finti poliziotti rapinatori di prostitute

(ASCA) - Roma, 9 ott - Sarebbero altre sette le rapine nei confronti di alcune prostitute messe a segno nel corso degli ultimi mesi ad Ostia, Acilia e in varie zone della capitale, riconducibili ad una banda di rapinatori che si fingevano poliziotti. Lo comunica un nota della questura di Roma dopo che, dagli sviluppi delle indagini condotte dagli agenti del commissariato Monteverde, diretto da Antonio Roberti, sono emersi nuovi elementi e riscontri ad aggravare il quadro accusatorio delineando precise responsabilita' in altri episodi e portando all'emissione di altre quattro ordinanze di custodia cautelare. Dopo la denuncia di una delle vittime ed alcuni mesi di indagini, i poliziotti erano infatti riusciti ad individuare i componenti della banda che, con il medesimo ''modus operandi'', metteva a segno le rapine nei confronti delle prostitute, privandole dei loro averi ed in alcuni casi costringendole sotto la minaccia delle armi ad abusi sessuali. Fingendosi poliziotti, i componenti della banda, tutti con precedenti di polizia, minacciavano le vittime, legandole con delle fascette di plastica e simulando in alcuni casi, anche il rinvenimento di sostanze stupefacenti per soggiogarle e costringerle a non formalizzare alcuna denuncia. L'operazione si era conclusa lo scorso mese di marzo quando finirono in manette quattro uomini ed una donna tra i quali C.A di 53 anni e P.M. di 44 anni, entrambi marescialli dell'Aeronautica militare. Nelle perquisizioni all'interno delle loro abitazioni gli agenti avevano sequestrato un tesserino ed una placca della polizia di Stato falsi, un paio di manette, una replica di fucile da assalto privo di regolare tappo rosso, e numerosi oggetti riconosciuti dalle stese vittime. Nell'abitazione di uno dei 2 militari vennero sequestrati computer portatili, 30 telefoni cellulari, orologi, apparati video ed anche alcune decine di grammi di cocaina.

Ulteriori conferme erano giunte anche dal sequestro degli indumenti utilizzati dai componenti della banda nel corso delle rapine. Allo stato attuale delle indagini - con il riconoscimento di precise responsabilita' in 7 di questi episodi - sale a circa 20 il numero delle rapine che coinvolgerebbero i cinque imputati, attualmente detenuti in carcere. Soltanto per uno di essi, pur sussistendo consistenti elementi di responsabilita', nel corso dell'incidente probatorio non sarebbero emersi presupposti per giustificare l'emissione di un' ulteriore ordinanza di custodia cautelare.

com-stt/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4