giovedì 23 febbraio | 16:16
pubblicato il 27/gen/2011 10:41

Roma, maxi sequestro di prodotti nocivi contraffatti

180mila giochi e 2,6 milioni di cosmetici: denunciati 12 cinesi

Roma, maxi sequestro di prodotti nocivi contraffatti

Quindici società collegate che importavano e vendevano prodotti nocivi, articoli elettrici e giocattoli non conformi alle normativa nazionale e europea a tutela della salute e della sicurezza dei consumatori: è la scoperta fatta dalla Guardia di finanza di Roma, che ha portato alla denuncia di 12 persone di origine cinese e al sequestro di 180.000 giocattoli, 28.000 articoli elettrici e oltre 2,6 milioni di cosmetici senza indicazioni di provenienza e marchio Ce, ma pronti per essere immessi nel mercato della capitale. Il valore stimato della merce si aggira sui tre milioni di euro. Esaminando la contabilità dell'impresa gli investigatori hanno ricostruito la filiera distributiva dei prodotti, tutti di origine cinese, e individuato i soggetti economici coinvolti nell'importazione e nella vendita all'ingrosso della merce.

Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
L'Italia del vino chiude 2016 con record vendite in Cina
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech