martedì 17 gennaio | 18:52
pubblicato il 09/apr/2012 05:10

Roma, gladiatori scesi dal Colosseo: domani in Campidoglio

Incontro con Nardi, il vice capo di gabinetto del sindaco

Roma, gladiatori scesi dal Colosseo: domani in Campidoglio

Roma, 9 apr. (askanews) - I "gladiatori romani" non hanno passato la Pasqua all'addiaccio sul Colosseo, i quattro figuranti che per protesta contro lo sfratto erano saliti sul secondo anello dell'anfiteatro sono scesi nel pomeriggio di sabato con la promessa messa per iscritto, che saranno ricevuti martedì in Campidoglio. Giammario Nardi, il vice capo di gabinetto del sindaco Alemnnno organizzerà un primo incontro per ascoltare le loro istanze e avviare un tavolo di confronto per trovare una soluzione. La trattativa è andata a buon fine, sono scesi con l'impegno che ci vediamo martedì così come avevano concordato verbalmente con Nardi e ora messo per iscritto", spiega Giorgio Ciardi, delegato del sindaco per le politiche della sicurezza, che ha fatto da mediatore con i manifestanti. Il gruppo di 'gladiatori romani' era salito sul secondo anello del Colosseo: quattro figuranti, in costumi di scena, gladiatori e centurioni, hanno srotolato striscioni, "Alemanno I romano dacce na mano", "30 famiglie romane da oggi senza er pane". Alle 16.30 sono scesi con la promessa, scritta di essere ascoltati: "Vogliamo solo lavorare. Essere regolarizzati", dicono. Anche se protagonisti di molti scatti dei turisti che visitano l'anfiteatro, da sempre i "gladiatori" sono infatti abusivi, a volte tollerati, a volte finiti nella rete dei controlli come gli altri venditori abusivi che stanno all'ombra del monumento. E ora la neo presidente della Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma Annamaria Barbera ha usato la mano pesante ordinando lo sgombero. La situazione 'irregolare' si trascina da molti anni e ha degli aspetti tecnici particolari - spiega Ciardi - che saranno poi valutati dal Comune e dalla sovrintendenza. "Non esiste - infatti, sottolinea Ciardi - un'autorizzazione prevista per questo tipo di attività. Giuridicamente al momento non c'è nessun titolo autorizzativo, sono paragonabili a tutti gli altri abusivi". Intanto, prima che si decida la loro sorte, martedì i gladiatori saranno ascoltati in Campidoglio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Liguria
Boschi in fiamme sulle alture di Genova, sfollati e strade chiuse
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa