venerdì 24 febbraio | 12:27
pubblicato il 03/feb/2012 08:49

Roma, giro di vite Gdf sul sommerso: 105 lavoratori irregolari

Sequestrati circa 2,3 milioni prodotti contraffatti

Roma, giro di vite Gdf sul sommerso: 105 lavoratori irregolari

Roma, (askanews) - Stretta nella Capitale della Guardia di Finanza contro il lavoro sommerso e la contraffazione. L'operazione, che ha visto impegnate oltre novanta pattuglie del Comando Provincialeha portato alla luce 105 lavoratori irregolari nel corso dei controlli in 59 aziende e imprese. In particolare, 55 lavoratori sono risultati totalmente "in nero", mentre altri 50 sono risultati assunti in modo "irregolare". Sul fronte della lotta all'abusivismo invece si registra il sequestro di 1.300.000 "pezzi" contraffatti, che vanno ad aggiungersi al milione di oggetti contraffatti "a carattere religioso" sequestrati mercoledì nell'area commerciale adiacente al Vaticano. In totale, in due giorni, i militari hanno sequestrato oltre 2.300.000 prodotti "fuori norma". Nel blitz per diciannove persone, di varia nazionalità, è scattata anche la denuncia.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech