mercoledì 18 gennaio | 11:31
pubblicato il 01/ago/2013 08:37

Roma: GdF sequestra all'aeroporto di Fiumicino 65 kg di cocaina

Roma: GdF sequestra all'aeroporto di Fiumicino 65 kg di cocaina

(ASCA) - Roma, 1 ago - Ancora droga pronta ad invadere la Capitale, probabilmente per animare le serate dell'estate romana. Ad intercettarla all'aeroporto ''Leonardo Da Vinci'' di Fiumicino i finanzieri del Comando Provinciale di Roma. Le Fiamme Gialle del Gruppo di Fiumicino, in collaborazione con il personale del Servizio di Vigilanza Antifrode dell'Agenzia delle Dogane, hanno sequestrato oltre 65 chili di cocaina, arrestato tre cittadini italiani, due venezuelani e due argentini. Singolare il caso di un argentino proveniente da Buenos Aires (Argentina), che ha tentato di superare la barriera dei controlli con un carico di oltre tre chili di polvere bianca abilmente occultata all'interno di confezioni di dolci perfettamente sigillate. Non meno fantasioso lo stratagemma utilizzato da un italiano proveniente da Lima (Peru'), che, durante l'ispezione ai suoi bagagli, ha giustificato il possesso di una batteria da cucina quale strumento di lavoro utile per la sua attivita' di chef. Il peso considerevole ed il notevole spessore del materiale hanno pero' indotto i militari ad approfondire la situazione consentendo di scoprire, all' interno di ogni pentola, doppifondi contenenti ''polvere bianca'', per un totale di circa un chilo. Altri quindici chili, sempre di cocaina, erano detenuti da due corrieri italiani, provenienti questa volta da San Paolo (Brasile), che avevano nascosto la droga nei doppifondi realizzati nei propri bagagli. Per un argentino proveniente da San Paolo (Brasile), sono state fatali le pesanti imbottiture di due trapunte trasportate, impregnate di cocaina liquida, il cui peso, al termine dei processi chimici di estrazione, ammonta ad undici chili. Il quantitativo di droga piu' ingente e' stato trovato a due giovani provenienti da Caracas (Venezuela), che detenevano, nei loro bagagli, ben 35 chili di cocaina divisa in 32 panetti, gia' pronti per essere smerciati probabilmente alla malavita romana. Grazie all'elevato grado di purezza, tutto lo stupefacente sequestrato avrebbe potuto rendere oltre 18 milioni di euro. I sette sono stati trasferiti presso il carcere di Civitavecchia, a disposizione della locale Autorita' Giudiziaria. bet/res

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Maltempo
Protezione civile, ancora allerta per nevicate e forti venti
Liguria
Boschi in fiamme sulle alture di Genova, sfollati e strade chiuse
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa