sabato 03 dicembre | 11:11
pubblicato il 29/nov/2011 13:41

Roma, fatto brillare pacco sospetto con ordigno rudimentale

Nessuna rivendicazione al momento, indagano carabinieri

Roma, fatto brillare pacco sospetto con ordigno rudimentale

Roma, 29 nov. (askanews) - Un pacco sospetto è stato fatto esplodere questa mattina Roma, in via Ajaccio al civico numero 5, dagli artificieri dei carabinieri allertati da alcuni cittadini della zona. Due scatoloni, uno sull'altro, sono stati ritrovati da un passante che inizialmente aveva pensato si trattasse di rifiuti lasciati davanti a un'officina. A quanto si apprende da fonti dell'Arma, all'interno delle scatole, c'era un ordigno rudimentale, con detonatore, collegato con fili elettrici e una massa esplodente, con gelatina. Gli artificieri dei carabinieri l'hanno fatto brillare dopo aver messo in sicurezza l'area. Non sono stati trovati biglietti di rivendicazione. Sulla vicenda indagano i carabinieri del nucleo investigativo dei carabinieri di via In Selci e il Ris dell'Arma che sta eseguendo le indagini scientifiche. Non risulta, al momento, che vi sia nelle vicinanze del luogo dove è stato ritrovato il pacco un obiettivo sensibile. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Sanità
Il 16 dicembre sciopero medici ospedalieri e dirigenti sanitari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari