lunedì 23 gennaio | 20:18
pubblicato il 03/feb/2012 12:28

Roma, da fidanzata a schiava del sesso: due arrestati dai cc

Conosciuti su social network ma la storia non ha lieto fine

Roma, da fidanzata a schiava del sesso: due arrestati dai cc

Roma, 3 feb. (askanews) - Si erano conosciuti su un social network, ma la storia d'amore non ha avuto un lieto fine, da fidanzata, una 27 enne romana si è ritrovata schiava del sesso: due persone, un uomo e una donna, sono state arrestate per induzione e sfruttamento della prostituzione, dai carabinieri a Roma, che hanno liberato la ragazza. Tutto è iniziato a settembre scorso, quando la giovane ha conosciuto il suo amore grazie ad un social network; la relazione è andata avanti, i due si sono incontrati, frequentati, ma qualcosa è cambiato e l'uomo, un 36enne originario di Isernia, ma residente in provincia di Latina, già conosciuto alle forze dell'ordine, da principe azzurro si è trasformato in "lupo cattivo". Ha scattato di nascosto alcune fotografie che ritraevano la ragazza in atteggiamenti intimi, e ha iniziato a ricattarla, minacciandola di divulgare gli scatti se non si fosse prostituita per lui, o se non avesse pagato cinquemila euro. Ma la ragazza non aveva i soldi, e disperata, non sapendo cosa fare, ha ceduto al ricatto. A dare man forte al fidanzato-sfruttatore anche una 37enne, originaria della provincia di Latina, anche lei già nota alle forze dell'ordine, che controllava la vittima, le trovava clienti, pubblicando annunci su internet e su periodici, e riscuoteva i compensi, che poi divideva con il 36enne. L'incubo è finito quando la ragazza ha avuto il coraggio di denunciare tutto ai carabinieri, che, dopo alcuni appostamenti vicino ad un condominio di via Ariosto, zona Piazza Dante, hanno fatto irruzione nell'appartamento sorprendendo l'uomo e la complice mentre si dividevano i soldi. Nel corso della perquisizione, i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno trovato e sequestrato le foto del ricatto, due macchine fotografiche, una videocamera, agende, due pc, telefoni cellulari e i soldi incassati con lo sfruttamento della 27enne. I due sono stati arrestai, l'umo è stato portato a Regina Coeli, la donna nel carcere di Rebibbia. Per entrambi le accuse sono estorsione, induzione e sfruttamento della prostituzione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4