domenica 26 febbraio | 05:10
pubblicato il 11/set/2013 18:16

Roma: Cremonesi (CCIAA) risponde ad accuse, nessuna sfiducia

(ASCA) - Roma, 11 set - ''Gli articoli sulla Camera di Commercio di Roma pubblicati oggi da alcuni quotidiani contengono alcune inesattezze che e' bene chiarire''. E' quanto scrive in una nota il presidente della CCIAA, Giancarlo Cremonesi. ''Innanzitutto - spiega - secondo l'attuale Statuto e in base alla normativa vigente, il presidente non puo' essere sfiduciato in nessun caso. C'e' anche da precisare che i consiglieri sono 32 (compreso il sottoscritto), non 30, come e' stato scritto erroneamente.

Per eventuali modifiche statutarie serve una maggioranza qualificata, cioe' 22 voti, ammesso e non concesso che il documento sia stato firmato da 20 consiglieri. E comunque, l'unico metodo previsto dallo Statuto per cambiare la ''governance'' e' quello delle dimissioni della maggioranza dei consiglieri che, facendo decadere il Consiglio, consentirebbe di procedere a nuove elezioni e quindi di verificare il vero ''peso di rappresentanza'' delle associazioni in base a fatturato, dipendenti e contributi versati. Il rinnovo del Consiglio camerale permetterebbe anche di garantire un'adeguata rappresentanza all'imprenditoria femminile. Invito pertanto i firmatari del documento che, peraltro, non e' stato ancora consegnato alla Presidenza, a procedere in tal senso se, come dicono, auspicano davvero una discontinuita' ai vertici della CCIAA''. Entrando nel merito del confronto, Cremonesi si e' detto convinto che ''l'unica motivazione alla base del documento, che chiede una svolta programmatica e' nella smania di poltrone. E' evidente che, in questo momento, le imprese romane hanno bisogno di tutto, fuorche' di questi rituali da Basso Impero''. Il presidente della Cciaa sottolinea, infine, che ''l'invocata discontinuita' mal si concilia con l'azione unanime fin qui portata avanti dai vertici camerali. Ricordo che tutti i provvedimenti degli ultimi tre anni sono stati approvati all'unanimita' dalla giunta, della quale fanno parte due dei firmatari del documento, a cominciare dal vicepresidente che e' corresponsabile di quanto deciso finora dalla CCIAA. E sfido tutti i consiglieri a indicare un solo provvedimento che sia stato proposto e non recepito dall'attuale giunta''. Infine, sottolinea Cremonesi, ''al di la' di ogni polemica, un raggruppamento che escluda Unindustria, l'Acer (costruttori romani), l'Abi (l'associazione bancaria), Confcooperative e le organizzazioni agricole non puo' avere la pretesa o, addirittura, arrogarsi il diritto di rappresentare tutte le imprese del territorio''. bet/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech