giovedì 19 gennaio | 11:35
pubblicato il 11/set/2013 18:16

Roma: Cremonesi (CCIAA) risponde ad accuse, nessuna sfiducia

(ASCA) - Roma, 11 set - ''Gli articoli sulla Camera di Commercio di Roma pubblicati oggi da alcuni quotidiani contengono alcune inesattezze che e' bene chiarire''. E' quanto scrive in una nota il presidente della CCIAA, Giancarlo Cremonesi. ''Innanzitutto - spiega - secondo l'attuale Statuto e in base alla normativa vigente, il presidente non puo' essere sfiduciato in nessun caso. C'e' anche da precisare che i consiglieri sono 32 (compreso il sottoscritto), non 30, come e' stato scritto erroneamente.

Per eventuali modifiche statutarie serve una maggioranza qualificata, cioe' 22 voti, ammesso e non concesso che il documento sia stato firmato da 20 consiglieri. E comunque, l'unico metodo previsto dallo Statuto per cambiare la ''governance'' e' quello delle dimissioni della maggioranza dei consiglieri che, facendo decadere il Consiglio, consentirebbe di procedere a nuove elezioni e quindi di verificare il vero ''peso di rappresentanza'' delle associazioni in base a fatturato, dipendenti e contributi versati. Il rinnovo del Consiglio camerale permetterebbe anche di garantire un'adeguata rappresentanza all'imprenditoria femminile. Invito pertanto i firmatari del documento che, peraltro, non e' stato ancora consegnato alla Presidenza, a procedere in tal senso se, come dicono, auspicano davvero una discontinuita' ai vertici della CCIAA''. Entrando nel merito del confronto, Cremonesi si e' detto convinto che ''l'unica motivazione alla base del documento, che chiede una svolta programmatica e' nella smania di poltrone. E' evidente che, in questo momento, le imprese romane hanno bisogno di tutto, fuorche' di questi rituali da Basso Impero''. Il presidente della Cciaa sottolinea, infine, che ''l'invocata discontinuita' mal si concilia con l'azione unanime fin qui portata avanti dai vertici camerali. Ricordo che tutti i provvedimenti degli ultimi tre anni sono stati approvati all'unanimita' dalla giunta, della quale fanno parte due dei firmatari del documento, a cominciare dal vicepresidente che e' corresponsabile di quanto deciso finora dalla CCIAA. E sfido tutti i consiglieri a indicare un solo provvedimento che sia stato proposto e non recepito dall'attuale giunta''. Infine, sottolinea Cremonesi, ''al di la' di ogni polemica, un raggruppamento che escluda Unindustria, l'Acer (costruttori romani), l'Abi (l'associazione bancaria), Confcooperative e le organizzazioni agricole non puo' avere la pretesa o, addirittura, arrogarsi il diritto di rappresentare tutte le imprese del territorio''. bet/lus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina