sabato 10 dicembre | 15:55
pubblicato il 08/ott/2013 13:31

Roma: Cardenas (PRD), politica rimetta al centro cittadini e ambiente

Roma: Cardenas (PRD), politica rimetta al centro cittadini e ambiente

(ASCA) - Roma, 8 ott - Migliorare le condizioni di vita dei cittadini, soprattutto dal punto di vista sociale e ambientale: e' il nucleo necessario di una nuova politica non rinviabile per l'America Latina, come per il nostro Paese e il mondo intero, secondo Cuauhtemoc Cardenas, fondatore del Partito della Rivoluzione Democratica (PRD), primo Presidente del Distretto federale di Citta' del Messico, piu' volte candidato al Governo nazionale ed oggi Coordinatore Generale per gli Affari internazionali del governo di Citta' del Messico.

Cardenas e' nella capitale per la due giorni ''Citta' del Messico a Roma'' che mettera' a confronto fino a domani imprese, istituzioni, associazioni delle due citta' con l'obiettivo di creare nuove sinergie tra i sistemi imprenditoriali ed istituzionali messicani e romani. Citta' del Messico: 9 mila chilometri quadrati in cui vivono quasi 30 milioni di persone, e per questo, da oltre dieci anni, uno dei laboratori piu' interessanti di politiche di riduzione dell'inquinamento, del trasporto privato e degli sprechi energetici, secondo il Latin American Green City Index dell'Ocse. ''Un processo di cambiamento che in citta' non si e' mai interrotto dal 1997 quando si e' insediato un Governo che ha mantenuto una vocazione democratica'', spiega Cardenas all'ASCA, a margine dei suoi impegni istituzionali nella Capitale. ''Mi piace pensare che questa attenzione ai cittadini e all'ambiente si stiano riflettendo sugli indicatori che ci riguardano, nonostante il nostro Governo sia dal '97 all'opposizione rispetto al Governo nazionale, e dunque le politiche che vengono attivate a Citta' del Messico non sempre corrispondano agli indirizzi nazionali, soprattutto a livello sociale''. E' per questo che la citta', spiega Cardenas ''ha cercato in questi anni di costruire relazioni dirette con altre citta', come nel caso di Roma, per confrontare e condividere le esperienze positive anche al di fuori del Paese, attraverso attivita' di cooperazione culturale, economica ed istituzionale''. Cardenas e' gia' stato in visita a Roma nel 1998 ''ospite come Capo del Governo federale dell'allora sindaco Rutelli - ricorda con l'ASCA - e nonostante ora io stia passando molte ore in uffici e incontri istituzionali, ho ritrovato questa citta' in piena attivita', carica di energia, di potenzialita' culturali, economiche e sociali rispetto alle quali credo sarebbe importante potenziare gli scambi in essere con la mia citta'''. Roma e Citta' del Messico, nota Cardenas ''condividono la presenza di un centro storico pieno di testimonianze remote e preziose, un'esperienza importante di conservazione e promozione di questo patrimonio, la necessita' di lavorare sulla mobilita' e il ciclo dei rifiuti, su cui in questa visita stiamo cercando di puntare per lavorare insieme ancora di piu' e meglio nel futuro. Citta' del Messico lotta contro una conformazione geografica che impedisce il ricircolo dei venti da Nord a Sud a causa della enorme barriera montuosa che lo ostacola, e per questo puo' condividere con Roma esperienze molto efficaci sul trasporto pubblico e la lotta all'inquinamento atmosferico. Vorremmo studiare meglio, pero', l'esperienza romana delle ZTL che stiamo proponendo in piccola scala e vorremmo diffondere anche da noi''. La vitalita' dei Governi Latinoamericani contro la crisi, tuttavia, parla all'Italia di una necessita' di politiche nuove nelle forme, ma anche bei contenuti: ''credo che in questi tempi di crisi - ha sottolineato Cardenas - la prima sfida che la politica deve affrontare e' quella di migliorare le condizioni di vita della gente, in primo luogo dei giovani, con attivita' specifiche di sostegno all'istruzione, alla formazione, ma anche allo sport e al divertimento, perche' realizzino i propri obiettivi di vita grazie a politiche di crescita economica che aprano in concreto opportunita' che non prescindano dalla solidarieta', dalla capacita' di accompagnarsi e tenersi per mano l'un l'altro''.

E sulle recenti vicissitudini della politica italiana, un ironico disincanto: ''in base a quel poco che e' arrivato fino a noi sui media, credo che corruzione e abusi siano problemi che si ripropongono praticamente in quasi tutti i Paesi''.

sis/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina