giovedì 23 febbraio | 17:57
pubblicato il 31/dic/2013 12:00

Roma, carabinieri sequestrano 220 kg "botti" illegali

Cinque arresti e tre persone denunciate

Roma, carabinieri sequestrano 220 kg "botti" illegali

Roma, 31 dic. (askanews) - Continuano, in queste ore che precedono la fine dell'anno, i controlli dei Carabinieri a Roma e Provincia volti al contrasto della detenzione e della vendita illecita di materiale esplodente e giochi pirici pericolosi onde prevenire spiacevoli incidenti. Nell'ambito del piano straordinario di controllo, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno sino ad ora sequestrato circa 220 Kg di botti illegali o detenuti illegalmente arrestando in totale 5 persone e denunciandone 3. Il sequestro più importante è stato eseguito dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Eur che sono riusciti a togliere dal mercato illegale 90 Kg di pericolosissime bombe carta. I militari dell'Arma, in via Pontina, hanno sorpreso tre cittadini napoletani, rispettivamente di 35, 38 e 42 anni, perlopiù già noti alle forze dell'ordine, che detenevano pericolosissimi artifizi di fabbricazione artigianale che avevano nascosto in un vano porta attrezzi in disuso nei pressi di un distributore di carburante. Un luogo molto pericoloso, tra l'altro, che in caso di incidente poteva arrecare seri danni all'intera struttura e alle persone che ci lavoravano o ai clienti che vi sostavano per il rifornimento. La vendita dei botti avveniva, in zona Spinaceto, celata dietro un'attività itinerante di vendita di frutta e verdura con un camion. I botti, provenienti dalla Campania, venivano prima stoccati nel deposito sulla Pontina e poi caricati sul camion per la vendita in strada. Il titolare del distributore di carburante era totalmente all'oscuro della losca attività avendo solo concesso al proprietario del camion la sosta nell'area, a titolo di cortesia. Poco dopo i Carabinieri della Stazione Roma Garbatella hanno arrestato un 20enne romano, con precedenti, sorpreso a detenere complessivamente 50 kg di bombe carte e giochi pirici, stipati in uno sgabuzzino di una sala giochi di circonvallazione Ostiense, all'insaputa del titolare. Il giovane infatti è un dipendente e approfittando dell'assenza in questi giorni dei proprietari aveva creato questa pericolosa attività parallela senza alcuna autorizzazione. Ieri sera, a Ladispoli, in via Ancona, i Carabinieri della Stazione di Ladispoli hanno sorpreso un 20enne del posto, mentre trasportava illegalmente, per la vendita, a bordo della sua utilitaria 11 pericolosi giochi pirotecnici. Il giovane è stato denunciato a piede libero. L'ultimo sequestro, in ordine di tempo, è stato eseguito dai Carabinieri della Compagnia di Frascati che, in due distinte operazioni, hanno arrestato un italiano e denunciato a piede libero due cittadini extracomunitari che detenevano complessivamente 70 Kg di botti illegali.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech