mercoledì 07 dicembre | 17:24
pubblicato il 28/giu/2013 12:28

Roma: arrestato dipendente Ministero Giustizia per corruzione

Roma: arrestato dipendente Ministero Giustizia per corruzione

(ASCA) - Roma, 29 giu - Nel corso della nottata, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno arrestato 6 persone in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Roma, dott.ssa Simonetta D'Alessandro su richiesta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, ritenute responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di un numero indeterminato di delitti contro la Pubblica Amministrazione, nonche' di singoli reati di corruzione e turbata liberta' dei procedimenti di scelta del contraente. L'indagine, sviluppata per quasi un anno dai Carabinieri di via in Selci e coordinata dal Pm Ilaria Calo', ha consentito di fare luce sulla gestione illecita di commesse e appalti pubblici per la fornitura di materiale informatico all'Amministrazione della Giustizia, attuata da un dipendente della Direzione Generale dei Servizi Informativi Automatizzati del Ministero della Giustizia il quale, nell'esercizio delle sue funzioni di assistente informatico addetto allo sviluppo di vari progetti di automazione informatica degli Uffici Giudiziari, aveva promosso, organizzato e capeggiato un'associazione per delinquere insieme a 5 soggetti operanti per conto di ditte contraenti con il Ministero, al fine di trarre ingenti e indebiti profitti in danno della Pubblica Amministrazione. Il sistema corruttivo organizzato dal P.D.B. si basava sulla richiesta sistematica di tangenti in denaro, ammontanti al 7-8% del valore di ogni appalto, per favorire l'assegnazione di commesse alle ditte riconducibili ai restanti indagati, i quali pagavano le somme sotto forma di consulenza fittizia, fatturata regolarmente ad un'altra ditta, riconducibile ai membri dell'organizzazione criminale che poi provvedeva alla consegna del denaro contante al pubblico dipendente. Un altro metodo utilizzato dalla persona arrestata per trarre indebiti profitti economici dagli acquisti di materiale informatico per conto dell'Amministrazione della Giustizia, consisteva nell'alterazione del funzionamento del Me.P.A. (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione), attuata facendo aumentare indebitamente i prezzi di offerta dei materiali proposti. Nel corso della mattinata i Carabinieri hanno eseguito numerose perquisizioni sequestrando documentazione amministrativa e materiale informatico.

Cinque indagati sottoposti a misura cautelare in carcere sono ora reclusi presso il carcere di Regina Coeli, mentre un sesto e' stato ammesso agli arresti domiciliari.

red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Papa
Papa: Stato laico meglio che confessionale, ma no laicismo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni