venerdì 20 gennaio | 17:23
pubblicato il 23/dic/2013 18:56

Roma: al XV Municipio creati venti posti per senza fissa dimora

(ASCA) - Roma, 23 dic - Un Natale piu' accogliente anche per i senza fissa dimora nel XV Municipio a Roma. Nel quadro del piano che Roma Capitale sta mettendo in atto per sostenere le persone senza dimora di fronte alle temperature rigide invernali, infatti, e grazie alla collaborazione tra l'assessore capitolino, Rita Cutini, e l'assessore alle Politiche Sociali del XV Municipio, Michela Ottavi, saranno aperti 20 posti per l'accoglienza in un territorio che fino ad oggi non aveva avuto storicamente luoghi per chi vive situazioni di disagio estremo.

''Da questa settimana e per tutto il periodo invernale, saremo in grado nel nostro Municipio di mettere a disposizione posti letto, docce, pasti caldi e supporto sanitario per i senza fissa dimora'', dichiara Michela Ottavi. ''Questa sinergia tra Assessorato e Municipi - aggiunge Cutini - inizia a dare risposte concrete per i cittadini piu' fragili''.

red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: morti accertati sono solo 2
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Audi, 8 milioni di vetture prodotte con la trazione "quattro"
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Tpl, Sorte: anche per Delrio la Lombardia è modello da seguire