venerdì 04 settembre | 12:17
pubblicato il 04/apr/2013 14:34

Roma: al Gemelli nuovo reparto di neuropsichiatria infantile

Roma: al Gemelli nuovo reparto di neuropsichiatria infantile

(ASCA) - Roma, 4 apr - Un nuovo reparto di neuropsichiatria infantile all'ospedale 'Agostino Gemelli' di Roma.

L'inaugurazione e' avvenuta questo pomeriggio e a tagliare il nastro, due ospiti speciali: il capitano della AS Roma Francesco Totti e sua moglie Ilary Blasi. I 1500 metri quadri del reparto saranno dotati delle piu' moderne tecnologie domotiche, il tutto immerso in un arcobaleno di colori e disegni. Nella stessa Unita' assistenziale, esperienza unica in Italia, ai piccoli pazienti verranno offerte cure, attivita' di riabilitazione e saranno svolti studi clinici.

Dieci stanze singole a misura di bambino e dotate delle piu' moderne tecnologie domotiche, palestre, sale comuni, collegamento wi-fi gratuito, sale visita, day hospital.

''Il reparto, che puo' ospitare 10 degenti, e' dedicato a bambini di tutte le eta' con patologie prevalentemente neurologiche, con disabilita' motorie, malattie neuromuscolari o con deficit visivi (grazie alla stretta collaborazione con il Centro di Ipovisione Iapb Italia Onlus e Gemelli), e apre anche grazie a un consistente contributo finanziario di Enel Cuore Onlus'', spiega Eugenio Mercuri, Direttore dell'Uoc di Neuropsichiatria infantile del Gemelli.

''Il reparto - continua il neuropsichiatra infantile - sfrutta una nuova concezione di architettura sanitaria pensata per la disabilita' e per i bambini: le stanze, infatti, sono colorate, allegre, con accessori che rendono l'ambiente ospedaliero piu' accogliente e meno minaccioso per i piccoli degenti. E poi, accanto alle innovazioni piu' prettamente 'estetiche', il reparto e' stato profondamente modificato da un punto di vista strutturale in modo da renderlo piu' accessibile ai bambini con disabilita', grazie a innovazioni come la domotizzazione di alcune stanze che dispongono di apertura telecomandata di avvolgibili e luci, e che consentono ai bimbi disabili di potersi trasferire tramite un sollevatore a soffitto dal letto alla carrozzina o addirittura in bagno''. Queste innovazioni sono state possibili grazie a uno sforzo congiunto tra Universita' Cattolica e Policlinico Gemelli, Enel Cuore Onlus che ha concesso un finanziamento per la realizzazione di queste opere innovative, e alcune associazioni di famiglie, prime fra tutte l'Associazione Famiglie Sma (Genitori per la ricerca sull'Atrofia muscolare spinale). Il nuovo reparto si inserisce nel programma di azioni promosse dalla Direzione del Policlinico per il miglioramento dell'accoglienza e dell'assistenza alle persone con disabilita' come prevede la Carta dei Diritti delle Persone con disabilita' in Ospedale, presentata di recente e che il Gemelli, primo ospedale italiano, ha adottato.

red/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta meteo, in arrivo temporali a Nord Est e al Centro
Criminalità
Camorra: operazione Polizia contro casalesi, 9 arresti
Papa
Il Papa in Via del Babuino per cambiare gli occhiali
Immigrati
Immigrati, quasi mille salvataggi in poche ore nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute
Salute, Lorenzin: 180 prestazioni a carico cittadino? E' falso
Motori
Bmw, con la 225xe la Serie 2 Active Tourer diventa ibrida plug-in
Enogastronomia
Sodalizio a Expo tra Oxfam Italia e TreValli
Turismo
Zingaretti visita cantieri Civita di Bagnoregio: la salveremo
Sistema Trasporti
A luglio passeggeri in crescita negli aeroporti italiani (+4,2%)
Energia e Ambiente
L'Esercito prepara gli scienziati per la 31^ Campagna Antartica
Scienza e Innovazione
Spazio, incontro riuscito: la Soyuz è agganciata alla Iss
TechnoFun
Gli italiani patiti dei social network ma comprano poco on line
Moda
Milano Unica: XXI edizione, in crescita espositori internazionali