domenica 22 gennaio | 23:28
pubblicato il 13/nov/2014 18:06

Roma, a Piazza SS Apostoli rimozione macchina per manifestazione

150 euro tra multa e rimozione, segnaletica quasi inesistente

Roma, a Piazza SS Apostoli rimozione macchina per manifestazione

Roma, 13 nov. (askanews) - Una signora arriva a Piazza Santi Apostoli fuori dai gangheri, chiedendo ai vigili e agli addetti alla rimozione perché abbiano rimosso la sua auto senza preavviso, incredula di fronte a tanta rapidità. Questa mattina non c'era un cartello o una transenna che indicasse il "divieto di fermata" a causa di una nuova - ennesima - manifestazione nella centralissima piazza romana. Quella della signora è una delle 50 auto che il "Servizio rimozione veicoli" del comune di Roma ha portato in deposito. Oltre ai costi della rimozione, c'è anche la sanzione, per, appunto, "divieto di fermata", per un totale di 150 euro circa, senza contare le eventuali spese di taxi per recuperare il mezzo.

Il "blitz" era stato annunciato con qualche sparuto "cartello", fatto con semplici fogli A4, appiccicati su dei segnali mobili di divieto di sosta o su delle transenne, oltre a dei nastri gialli che non sempre vengono allestiti in modo completo. Un papà arriva sulla piazza e disperato denuncia: "Io adesso devo andare a prendere i bambini all'asilo, capite il disagio. Per una cosa che, ammesso e non concesso che fosse segnalata, è segnalata con un microcartello tutto strappato" E aggiunge: "Questa mattina non c'era".

Nel centro di Roma i normali cittadini si trovano spesso di fronte a ciò che viene da alcuni definito un "abuso" delle forze dell'ordine, come ha raccontato un portiere della zona: "Sono 12 anni che sono qui, ormai sono cinque anni che questa piazza è così, la norma è questa: l'abuso, per me ormai è un abuso di norma".

Alla fine sulla piazza sono rimasti parcheggiati i motorini - anche sui marciapiedi, perché a Roma si sa la tolleranza per questo mezzo alle volte resiste - e una quindicina di auto con il permesso per disabili, che sembrano un po' troppo numerosi, verrebbe da pensare, ma per fortuna non possono essere rimossi.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4