domenica 04 dicembre | 13:24
pubblicato il 24/feb/2014 09:52

Roma: 2 maxi sequestri merce contraffatta. Milioni maschere pericolose

Roma: 2 maxi sequestri merce contraffatta. Milioni maschere pericolose

(ASCA) - Roma, 24 feb 2014 - Due maxi sequestri sono stati condotti nel finesettimana dalla Guardia di finanza di Roma nel quadro della lotta alla contraffazione che conta, dall'inizio dell'anno, gia' oltre 150 interventi delle Fiamme gialle capitoline, 66 persone denunciate e i sigilli scattati per milioni di prodotti 'tarocchi'. Questa volta e' toccato a oltre due milioni di maschere, trucchi e giochi di carnevale di fabbricazione cinese - non a norma e risultati potenzialmente pericolosi per la salute - che i finanzieri hanno trovato stoccati in quattro depositi nella periferia orientale della Capitale. L'obiettivo - spiega una nota - era quello di invadere il carnevale romano, offrendo alle tante famiglie che in tempi di crisi cercano di fare divertire i propri figli ''facendo quadrare i conti'', prodotti non conformi agli standard di sicurezza. Alcuni prodotti erano infatti sprovvisti della relativa marchiatura ''CE'' mentre altri la presentavano, ma difforme da quella prescritta dalla normativa comunitaria, idonea ad ingannare il consumatore finale sul possesso dei requisiti prescritti in tema di sicurezza. L'analisi gascromatografica disposta su alcuni campioni della merce sequestrata ha evidenziato la presenza, nella composizione delle maschere, di quantita' elevate di ''Cicloesanone'', composto infiammabile e nocivo per inalazione, oltre che irritante per le mucose, le vie respiratorie superiori, gli occhi e della cute. Quattro persone di nazionalita' cinese, tutti amministratori legali delle societa' cui sono riconducibili i depositi, sono stati denunciati all'Autorita' giudiziaria di Roma. Il secondo intervento e' stato invece effettuato in un altro capannone di Fiano romano, sempre alle porte di Roma, dove le Fiamme gialle hanno trovato 45.000 calzature con i loghi contraffatti ''Hogan'', ''Nike'' ed ''Adidas'', tutte di ottima fattura ed esteticamente perfette. Se immessa sul mercato, questa merce avrebbe fruttato oltre un milione di euro. L'operazione e' iniziata sull'autostrada Milano-Roma, i finanzieri del gruppo di Fiumicino hanno intercettato un convoglio, composto da un autoarticolato con targa bulgara e da un'autovettura di staffetta, che viaggiava verso sud. I mezzi - seguiti a debita distanza - dopo essere usciti dal casello di Fiano Romano hanno raggiunto un immenso capannone industriale dove alcuni gregari dell'organizzazione hanno immediatamente iniziato lo scarico dei colli. Entrati in azione, i militari hanno scoperto il deposito perfettamente organizzato, nel rigoroso rispetto dei dettami della logistica, sicche' la merce risultava stoccata con cura e criterio. Dai primi accertamenti e' emerso che la partita, spedita dal sud-est Asiatico, aveva raggiunto la Capitale passando da Sofia e che, dopo essere stata consegnata ad un magrebino rapiantato da anni in Italia ed esperto del ''settore'', sarebbe stata distribuita, in poche ore, alla fitta rete di dettaglianti ambulanti, per lo piu' senegalesi, per essere smerciata sul mercato romano. Sia il nord africano destinatario della merce, sia l'italiano proprietario del capannone sono stati denunciati a piede libero all'Autorita' giudiziaria, per i reati di importazione e deposito di merce contraffatta, nonche' di ricettazione. com-stt/cam

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari