domenica 19 febbraio | 18:33
pubblicato il 19/set/2013 20:34

Rom: Associazione, commissione inchiesta su sgombri in Toscana e Liguria

Rom: Associazione, commissione inchiesta su sgombri in Toscana e Liguria

(ASCA) - Roma, 19 set - L'associazione 'Nazione Rom' ''chiede all' Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar) l'istituzione di una commissione di inchiesta'' in merito a quelle che definisce ''politiche di deportazione e di pulizia etnica'' effettuate in Toscana e Liguria. E chiede ''il rispetto della Strategia nazionale di inclusione varata nel febbraio 2012''.

Nello specifico, come si legge in una nota, l'associazione punta il dito contro ''l'ennesima operazione ordinata dalla questura di Lucca contro le famiglie rom presenti nel territorio della Versilia: sei cittadini europei di etnia rom sono stati prelevati all'interno dell'ex Camping internazionale Versilia nel comune di Seravezza (Lu) dove vivono dal mese di ottobre 2012 a seguito del completo fallimento del progetto di 'rimpatrio assistito' promosso dalla regione Toscana''.

Stando, infatti, a quanto denuncia l'associazione ''in Toscana ed in Versilia si stanno consumando gravi violazioni degli accordi e dei Diritti umani fondamentali''. In tale quadro, secondo 'Nazione Rom', ''cittadini rom, tutti possessori di regolare carta di identita' emessa dallo Stato della Romania, vengono fotosegnalti costantemente e sottoposti a misure quali la presa delle impronte digitali.

Sono stati gli stessi cittadini rom a telefonare oggi al contact center di Unar denunciando la grave violazione e discriminazione subita''.

''Negli ultimi cinque mesi - si legge ancora nella nota - sei cittadini europei sono stati allontanati dal territorio, portati a Roma ed imbarcati su di un aereo alla volta di Bucarest. Le deportazioni sono state costantemente segnalate alla Commissione europea, al Consiglio d'Europa ed allo stesso governo italiano - ministero per l'Integrazione''. Inoltre ''provvedimenti anti-rom analoghi alla Toscana'', secondo l'associazione, sarebbero ''in corso all'interno del comune di La Spezia''.

Dopo aver ''potuto denunciare le operazioni di pulizia etnica in atto nelle regioni Toscana e Liguria consegnando nelle mani del ministro Cecile Kyenge un fascicolo provante le accuse durante il recente convegno sul riconoscimento giuridico di Rom, Sinti e Caminanti tenuto al Senato'', l'associazione 'Nazione rom' chiede ''al governo italiano il rispetto della Strategia nazionale di inclusione varata nel febbraio 2012: gli accordi siglati dallo Stato italiano con il Consiglio d'Europa prevedono l'avvio di politiche di inclusione con inserimenti abitativi, lavorativi, scolastici e di protezione sanitaria''.

Infine, con riferimento ai fatti contestati ''si chiede all' Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar) l'istituzione di una commissione di inchiesta'', conclude la nota di 'Nazione rom'.

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia