lunedì 05 dicembre | 02:15
pubblicato il 04/apr/2014 12:00

Roberto Bolle: per Expo tornerei a danzare in Duomo a Milano

Cirque du Soleil? Siano gli artisti italiani i protagonisti

Roberto Bolle: per Expo tornerei a danzare in Duomo a Milano

Milano, 4 apr. (askanews) - Tornare a distanza di alcuni anni ad esibirsi in piazza del Duomo a Milano con un grande spettacolo per l'Expo 2015. Se lo augura l'etoile internazionale Roberto Bolle, intervenuto alla presentazione di "Rethink Energy", la nuova campagna pubblicitaria del gruppo Eni che lo vede protagonista. "Sarebbe bello fare uno spettacolo in piazza del Duomo a Milano, nel cuore della città. E' un bellissimo esperimento che ho già fatto alcuni anni fa e ripeterlo per Expo sarebbe straordinario", ha dichiarato Bolle. Il grande ballerino italiano, alla richiesta di un commento, ha quindi criticato la scelta di ospitare a Milano per Expo 2015 il Cirque du Soleil. "E' giusto che siano gli artisti italiani i protagonisti di questa vetrina mondiale così importante", ha spiegato. Dal 2008, Bolle ha portato il suo Gala "Roberto Bolle and Friends" in luoghi fino ad allora mai raggiunti dalla danza, come il sagrato del Duomo di Milano e piazza Plebiscito a Napoli. Quest'anno, nel mese di luglio, il tour italiano del Gala toccherà tra le altre le città di Genova, Roma, Torre del Lago e prevede anche il grande ritorno dell'etoile all'Arena di Verona.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari