domenica 22 gennaio | 11:55
pubblicato il 07/giu/2011 17:39

Riso Scotti, patron in manette: falsa energia pulita

L'accusa: bruciati rifiuti pericolosi invece di lolla di riso

Riso Scotti, patron in manette: falsa energia pulita

Dalla fama della pubblicità tutta incentrata sul proprio nome e marchio, alle accuse di truffa ad enti pubblici e traffico illecito di rifiuti. Angelo Dario Scotti, presidente e amministratore delegato dell'omonimo gruppo alimentare, è da oggi agli arresti domiciliari. Al centro delle attenzioni degli inquirenti la centrale elettrica della Scotti a Pavia, dove al posto delle biomasse sarebbero stati bruciati rifiuti di vario tipo, alcuni dei quali pericolosi. Con Scotti sono stati arrestati anche tre funzionari del Gse, società che gestisce gli incentivi per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il Tribunale ha disposto il sequestro di beni per 17 milioni di euro. Sabato Angelo Scotti sarà in procura a Milano a rispondere alle domande del Gip.

Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Papa
Papa:no a Chiesa insapore in società dove anche verità è truccata
Maltempo
Rigopiano: si continua a scavare sotto la pioggia. Rischio slavine
Maltempo
Hotel Rigopiano, ospedale Pescara: 9 soccorsi in buone condizioni
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4