lunedì 20 febbraio | 14:13
pubblicato il 07/giu/2011 17:39

Riso Scotti, patron in manette: falsa energia pulita

L'accusa: bruciati rifiuti pericolosi invece di lolla di riso

Riso Scotti, patron in manette: falsa energia pulita

Dalla fama della pubblicità tutta incentrata sul proprio nome e marchio, alle accuse di truffa ad enti pubblici e traffico illecito di rifiuti. Angelo Dario Scotti, presidente e amministratore delegato dell'omonimo gruppo alimentare, è da oggi agli arresti domiciliari. Al centro delle attenzioni degli inquirenti la centrale elettrica della Scotti a Pavia, dove al posto delle biomasse sarebbero stati bruciati rifiuti di vario tipo, alcuni dei quali pericolosi. Con Scotti sono stati arrestati anche tre funzionari del Gse, società che gestisce gli incentivi per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il Tribunale ha disposto il sequestro di beni per 17 milioni di euro. Sabato Angelo Scotti sarà in procura a Milano a rispondere alle domande del Gip.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, taglio del nastro per Advanced Virgo
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia