domenica 11 dicembre | 14:46
pubblicato il 07/giu/2011 17:39

Riso Scotti, patron in manette: falsa energia pulita

L'accusa: bruciati rifiuti pericolosi invece di lolla di riso

Riso Scotti, patron in manette: falsa energia pulita

Dalla fama della pubblicità tutta incentrata sul proprio nome e marchio, alle accuse di truffa ad enti pubblici e traffico illecito di rifiuti. Angelo Dario Scotti, presidente e amministratore delegato dell'omonimo gruppo alimentare, è da oggi agli arresti domiciliari. Al centro delle attenzioni degli inquirenti la centrale elettrica della Scotti a Pavia, dove al posto delle biomasse sarebbero stati bruciati rifiuti di vario tipo, alcuni dei quali pericolosi. Con Scotti sono stati arrestati anche tre funzionari del Gse, società che gestisce gli incentivi per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il Tribunale ha disposto il sequestro di beni per 17 milioni di euro. Sabato Angelo Scotti sarà in procura a Milano a rispondere alle domande del Gip.

Gli articoli più letti
Papa
Papa: prega per Aleppo. Guerra cumulo soprusi e falsità
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina