venerdì 30 settembre | 03:28
pubblicato il 20/feb/2016 10:02

Riparazioni auto più care in Lombardia, eccezione a Milano

Il rapporto della startup ideata da due trentenni

Riparazioni auto più care in Lombardia, eccezione a Milano

Milano (askanews) - La Regione più cara per far riparare un'auto è la Lombardia, anche se l'officina più economica è proprio a Milano. La sostituzione del kit di distribuzione è in cima alle richieste, seguita dal controllo della frizione e il tagliando. Sono alcuni dei dati del Rapporto Riparazioni 2016 elaborato da RiparAutOnline.com, un portale che permette agli utenti di richiedere online preventivi per la manutenzione ordinaria e straordinaria del proprio veicolo, mettendo a confronto i prezzi di oltre 5.500 officine e carrozzerie.

RiparAutOnline è una start up nata nel 2013 dall'idea di due trentenni, Marco Iacuaniello e Aurelian Vacariuc, sviluppata e cresciuta nell'incubatore I3P del Politecnico di Torino. L'idea è quella di far risparmiare tempo e soldi aiutando gli utenti a scegliere la carrozzeria più adatta alle proprie esigenze.

Gli articoli più letti
Salute
Cantone: disastroso affidare a Regioni responsabilità su sanità
Campidoglio
Roma, senza ok a bilancio entro 31-12 scatta commissariamento
Roma
Roma, caso scontrini: pm chiede 3 anni per ex sindaco Marino
Roma 2024
Raggi: con no a Olimpiadi Roma e l'Italia hanno vinto
Altre sezioni
Salute e Benessere
A Roma arriva la Tac più veloce al mondo, radiazioni ridotte del 90%
Enogastronomia
Il 9 ottobre in Valtenesi torna Profumi di mosto
Start Up
Al via campagna crowdfounding a sostegno del progetto Ethicjobs
Motori
La Ferrari svela la Gtc4Lusso T, a Parigi l'anteprima mondiale
Turismo
Bit 2017: Milano punta a riconquistare la leadership nel Turismo
Moda
Moda, a Parigi sfila Yves Saint Laurent in versione Vaccarello
Sistema Trasporti
Fs, piano industriale da 94 miliardi di investimenti in 10 anni
Scienza e Innovazione
Kenya, da cacciatori a custodi di leoni: masai sempre guerrieri
Lifestyle e Design
Nautica, Baglietto: investimenti per 12 mln entro il 2020