lunedì 23 gennaio | 22:48
pubblicato il 20/giu/2013 16:15

Rifugiati: Unicef, oltre 7mln di bambini costretti ad abbandonare casa

Rifugiati: Unicef, oltre 7mln di bambini costretti ad abbandonare casa

(ASCA) - Roma, 20 giu - Nel mondo sono oltre sette milioni i bambini rifugiati: la vita per chi e' costretto ad abbandonare la propria casa e' particolarmente difficile e traumatica soprattutto per i piu' piccoli. Nella Giornata mondiale del rifugiato, il rapporto Global Trends 2012 dell'UNHCR sottolinea che, alla fine del 2012, oltre 45,2 milioni di persone sono stati costretti a fuggire dalle proprie case; tra questi: 15,4 milioni di rifugiati, 937.000 richiedenti asilo e 28,8 milioni di sfollati all'interno del proprio paese. E' quanto si legge in una nota diffusa dall'Unicef.

I bambini rifugiati sono privati della sicurezza di una casa, di una scuola e della pace. Sono spesso testimoni di violenza e sono soggetti ad abusi e a condizioni di vita strazianti. Devono affrontare un futuro incerto e il peso psicologico e fisico di tutto questo non puo' essere sottovalutato. Per Unicef, la guerra e' la ragione principale per la quale i bambini sono rifugiati. Poco piu' della meta' dei rifugiati provengono da Afghanistan, Somalia, Iraq, Siria e Sudan. Da 32 anni il conflitto in Afghanistan costringe la maggior parte delle persone a lasciare le proprie case. La Somalia e' al secondo posto, seguita da Iraq e da Siria. Il numero di sfollati interni, 28,8 milioni nel 2012, e' il piu' alto negli ultimi due decenni. I due paesi piu' colpiti sono la Repubblica Democratica del Congo e la Siria.

Anche il numero di bambini non accompagnati o separati e' anche a livello record, secondo l'UNHCR. Nel 2012 21.300 richiedenti asilo erano bambini.

L'UNICEF lavora a stretto contatto con l'UNHCR per soddisfare le esigenze dei rifugiati e degli sfollati. Le due agenzie forniscono acqua e servizi igienici, istruzione, protezione per i bambini e nutrizione.

L'Unicef sostiene anche programmi che possono dare ai bambini uno sviluppo creativo, come la fotografia. Circa l'8% della popolazione della Giordania e' composta da rifugiati siriani. Poiche' il peso maggiore dell'accoglienza dei rifugiati ricade sui paesi in via di sviluppo, l'UNICEF collabora con le comunita' di accoglienza per garantire che esse abbiano le risorse per affrontare la situazione.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4