martedì 24 gennaio | 02:50
pubblicato il 15/mar/2013 19:53

Rifiuti Roma: Ue deferisce Italia a Corte Giustizia. Clini convoca Ama

Rifiuti Roma: Ue deferisce Italia a Corte Giustizia. Clini convoca Ama

(ASCA) - Roma, 15 mar - La Commissione europea ha fatto presente oggi che la situazione del trattamento dei rifiuti nella Regione Lazio - anche alla luce delle iniziative contro l'applicazione del decreto del ministro dell'Ambiente del 3 gennaio 2013 sui rifiuti del Lazio - costringe la Commissione a deferire l'Italia alla Corte europea di giustizia.

In particolare, il commissario europeo Janez Potocnik, pur apprezzando l'impegno del ministro dell'Ambiente, ha rilevato che sono a rischio la chiusura della discarica di Malagrotta e il trattamento dei rifiuti, oggetto della procedura d'infrazione aperta nel 2011.

Il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, considera il deferimento alla Corte europea di giustizia ''il risultato inevitabile della situazione che si e' venuta a creare in seguito alle opposizioni al decreto del 3 gennaio, opposizioni che in vario modo convergono verso l'unica 'abituale conclusione per Roma' a vantaggio del conferimento in discarica''.

Il ministro Clini in particolare, ha ricordato ''l'incredibile situazione degli impianti regionali di Tmb (trattamento meccanico biologico) e per la produzione di combustibile derivato dai rifiuti che, nonostante le disposizioni del decreto e l'intervento del Nucleo operativo ecologico dei carabinieri, continuano a essere utilizzati meno del 50% della loro capacita'''.

Al tempo stesso, sottolinea, ''resta a livelli insoddisfacenti la raccolta differenziata, e in particolare la selezione della frazione umida, la quale potrebbe essere valorizzata con la produzione di compost''.

Il ministro ha convocato per il 20 marzo Ama e le imprese individuate dal decreto del 3 gennaio, ''per definire un piano di azione vincolante - spiega - anche utilizzando i poteri straordinari che sono stati attribuiti al ministro dalla Legge di stabilita' 2013''.

Inoltre, il ministro ha scritto al presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, al sindaco di Roma Gianni Alemanno e al commissario della Provincia, Umberto Postiglione, per sbloccare le procedure di autorizzazione, ferme da tempo, degli impianti di trattamento e recupero ''che potrebbero dare - conclude - una svolta definitiva alla gestione dei rifiuti di Roma''.

Nello stesso tempo il ministro ha confermato con una lettera al commissario europeo Potocnik l'impegno dell'Italia, ''anche grazie alla collaborazione con la nuova amministrazione della Regione e con il Comune di Roma, a completare il programma per allineare la capitale d'Italia agli standards previsti dalle direttive europee e dalle leggi nazionali entro i tempi previsti e comunque prima che la Corte assuma la sua decisione''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4