martedì 28 febbraio | 00:21
pubblicato il 05/nov/2011 17:35

Rifiuti, raccolta a rischio in Sicilia: allarme delle imprese

In difficoltà, chiedono la soppressione degli Ato

Rifiuti, raccolta a rischio in Sicilia: allarme delle imprese

La raccolta dei rifiuti in Sicilia rischia di andare in stallo, messa in pericolo dalla difficile situazione delle imprese dei servizi di igiene ambientale. A lanciare l'allarme a Palermo sono i rappresentanti del Comitato delle imprese della Sicilia e le segreterie regionali di Fp Cgil, Fit Cisl, Ugl, Uil Trasporti, unite nel chiedere più attenzione da parte del governo regionale e l'applicazione della legge 9, che prevede la liquidazione degli Ato, le Autorità d'ambito territoriale ottimale per la gestione di rifiuti e servizio idrico integrato. Michele Palazzotto, segretario generale di Fp Cgil Sicilia.Rossella Pezzino è presidente del Comitato delle imprese dei servizi di igiene ambientale della Sicilia.Appuntamento il 18 novembre a Palazzo d'Orleans per chiedere al presidente Raffaele Lombardo risposte definitive.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech