sabato 03 dicembre | 07:58
pubblicato il 21/giu/2011 17:56

Rifiuti nel Napoletano, tornano i roghi e la guerriglia urbana

Cumuli incendiati e ancora migliaia di tonnellate a terra

Rifiuti nel Napoletano, tornano i roghi e la guerriglia urbana

L'estate è ufficialmente iniziata, ma nel Napoletano la bella stagione è rovinata dal cattivo odore dei cumuli e dei roghi di immondizia: l'emergenza rifiuti infatti non sembra destinata a concludersi. La situazione, dopo le aspettative seguite all'elezione a sindaco di De Magistris, è tornata a deteriorarsi dopo il blocco della discarica di Caivano e nelle strade si rivedono gli incendi di spazzatura, pericolosissimi per la salute. I roghi si sono verificati in città e nell'hinterland, in particolare a Casoria, dove accanto al Museo di arte contemporanea fa bella mostra di sè ciò che resta dei sacchi d'immondizia bruciati. E le suggestioni sono tutt'altro che artistiche anche ad Acerra, dove nelle scorse ore sono stati dati alle fiamme anche due autocompattatori.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari