domenica 26 febbraio | 07:05
pubblicato il 21/giu/2011 17:56

Rifiuti nel Napoletano, tornano i roghi e la guerriglia urbana

Cumuli incendiati e ancora migliaia di tonnellate a terra

Rifiuti nel Napoletano, tornano i roghi e la guerriglia urbana

L'estate è ufficialmente iniziata, ma nel Napoletano la bella stagione è rovinata dal cattivo odore dei cumuli e dei roghi di immondizia: l'emergenza rifiuti infatti non sembra destinata a concludersi. La situazione, dopo le aspettative seguite all'elezione a sindaco di De Magistris, è tornata a deteriorarsi dopo il blocco della discarica di Caivano e nelle strade si rivedono gli incendi di spazzatura, pericolosissimi per la salute. I roghi si sono verificati in città e nell'hinterland, in particolare a Casoria, dove accanto al Museo di arte contemporanea fa bella mostra di sè ciò che resta dei sacchi d'immondizia bruciati. E le suggestioni sono tutt'altro che artistiche anche ad Acerra, dove nelle scorse ore sono stati dati alle fiamme anche due autocompattatori.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech