martedì 06 dicembre | 09:42
pubblicato il 21/set/2011 19:13

Rifiuti Napoli, commissione ecomafie: resta rischio crisi

Il presidente Pecorella sottolinea anche diversi miglioramenti

Rifiuti Napoli, commissione ecomafie: resta rischio crisi

Ancora nessuno scampato pericolo, ma segnali di miglioramento. Sono le conclusioni della Commissione parlamentare Ecomafie che in due giorni a Napoli ha fatto il punto sulla situazione rifiuti. Il presidente Gaetano Pecorella ha sottolineato che la possibilità di una nuova crisi esiste, pur elencando diversi aspetti positivi.Fra le autorità ascoltate dalla Commissione anche il vicesindaco Tommaso Sodano, che ha risposto così alle polemiche degli ultimi giorni sui ritardi nella partenza della raccolta differenziata.Intanto Napoli vive ancora momenti di difficoltà con 500 tonnellate di rifiuti in strada per lo sciopero dei lavoratori di Lavajet, azienda che effettua la raccolta nel centro storico.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari