lunedì 05 dicembre | 13:48
pubblicato il 14/feb/2013 18:07

Rifiuti: Ispra, lieve aumento speciali. Diminuiscono i pericolosi

Rifiuti: Ispra, lieve aumento speciali. Diminuiscono i pericolosi

(ASCA) - Roma, 14 feb - In calo i rifiuti speciali pericolosi, in aumento quelli non pericolosi: numeri strettamente legati alla lieve ripresa economica registrata nel 2010, anno di rilevamento della dodicesima edizione del Rapporto Rifiuti Speciali dell'ISPRA. In particolare, la produzione di rifiuti speciali in generale si e' incrementata del 2,4% (da 134,6 milioni di tonnellate a 137,9 milioni di tonnellate), dato che risulta strettamente correlato alla limitata ripresa del mercato e dell'industria dopo la crisi del biennio 2008-2009.

L'aumento, specifica il Rapporto, e' ascrivibile totalmente alla produzione di rifiuti speciali non pericolosi che, rispetto al 2009, mostra un incremento del 3,1% (circa 3,9 milioni di tonnellate) tornando ai livelli del 2008. La produzione di rifiuti pericolosi presenta, invece, un calo percentuale del 6,3%, pari a quasi 655 mila tonnellate.

I rifiuti speciali non pericolosi vengono soprattutto dal settore costruzioni e demolizioni e dalle attivita' manifatturiere, con percentuali pari, rispettivamente, al 46,2% e 26,4% del totale, mentre alle attivita' di trattamento dei rifiuti e' attribuibile il 20,2% della produzione complessiva, con quasi 26 milioni di tonnellate. Il settore manifatturiero ha prodotto circa la meta' del totale, dei rifiuti pericolosi esattamente il 47,8%, pari a 4,6 milioni di tonnellate. Il 24,4% e' invece attribuibile al settore ''servizi, commercio e trasporti'', che ricomprende un quantitativo pari a circa 1,7 milioni di tonnellate di veicoli fuori uso, e il 18,4% proviene dalle attivita' di trattamento rifiuti. Il 63,8% (2,9 milioni di tonnellate) del quantitativo di rifiuti pericolosi complessivamente prodotto dal settore manifatturiero deriva dall'industria chimica della raffinazione e della fabbricazione di prodotti chimici, di articoli in gomma e in materie plastiche.

I rifiuti speciali pericolosi maggiormente prodotti risultano i ''Fanghi derivanti dalle acque reflue industriali'' con un quantitativo pari a circa 2,4 milioni di tonnellate (24,5% del totale prodotto), seguiti dai ''Veicoli fuori uso'' con quasi 1,7 milioni di tonnellate (17,3%) e dai ''Rifiuti chimici'' che rappresentano il 14,0% del totale dei rifiuti pericolosi prodotti, con 1,3 milioni di tonnellate. I rifiuti non pericolosi maggiormente prodotti risultano invece quelli da ''Rifiuti minerali della costruzione e della demolizione'', il cui quantitativo ammonta a 35,7 milioni di tonnellate (27,9% del totale di rifiuti non pericolosi).

Seguono le ''Terre e rocce da scavo'' con 15,1 milioni di tonnellate (11,8% del totale), i ''Rifiuti metallici ferrosi'' con 9,8 milioni di tonnellate (7,7%) ed i ''Rifiuti misti da impianti di trattamento dei rifiuti'' con quasi 9,6 milioni di tonnellate (7,5%). Nel 2010, i rifiuti speciali complessivamente gestiti in Italia sono stati circa 145 milioni di tonnellate, di cui 133 milioni (il 91,8% del totale) costituiti da rifiuti non pericolosi e i restanti 12 milioni (8,2%) da rifiuti pericolosi. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari