venerdì 20 gennaio | 09:37
pubblicato il 14/feb/2013 18:07

Rifiuti: Ispra, lieve aumento speciali. Diminuiscono i pericolosi

Rifiuti: Ispra, lieve aumento speciali. Diminuiscono i pericolosi

(ASCA) - Roma, 14 feb - In calo i rifiuti speciali pericolosi, in aumento quelli non pericolosi: numeri strettamente legati alla lieve ripresa economica registrata nel 2010, anno di rilevamento della dodicesima edizione del Rapporto Rifiuti Speciali dell'ISPRA. In particolare, la produzione di rifiuti speciali in generale si e' incrementata del 2,4% (da 134,6 milioni di tonnellate a 137,9 milioni di tonnellate), dato che risulta strettamente correlato alla limitata ripresa del mercato e dell'industria dopo la crisi del biennio 2008-2009.

L'aumento, specifica il Rapporto, e' ascrivibile totalmente alla produzione di rifiuti speciali non pericolosi che, rispetto al 2009, mostra un incremento del 3,1% (circa 3,9 milioni di tonnellate) tornando ai livelli del 2008. La produzione di rifiuti pericolosi presenta, invece, un calo percentuale del 6,3%, pari a quasi 655 mila tonnellate.

I rifiuti speciali non pericolosi vengono soprattutto dal settore costruzioni e demolizioni e dalle attivita' manifatturiere, con percentuali pari, rispettivamente, al 46,2% e 26,4% del totale, mentre alle attivita' di trattamento dei rifiuti e' attribuibile il 20,2% della produzione complessiva, con quasi 26 milioni di tonnellate. Il settore manifatturiero ha prodotto circa la meta' del totale, dei rifiuti pericolosi esattamente il 47,8%, pari a 4,6 milioni di tonnellate. Il 24,4% e' invece attribuibile al settore ''servizi, commercio e trasporti'', che ricomprende un quantitativo pari a circa 1,7 milioni di tonnellate di veicoli fuori uso, e il 18,4% proviene dalle attivita' di trattamento rifiuti. Il 63,8% (2,9 milioni di tonnellate) del quantitativo di rifiuti pericolosi complessivamente prodotto dal settore manifatturiero deriva dall'industria chimica della raffinazione e della fabbricazione di prodotti chimici, di articoli in gomma e in materie plastiche.

I rifiuti speciali pericolosi maggiormente prodotti risultano i ''Fanghi derivanti dalle acque reflue industriali'' con un quantitativo pari a circa 2,4 milioni di tonnellate (24,5% del totale prodotto), seguiti dai ''Veicoli fuori uso'' con quasi 1,7 milioni di tonnellate (17,3%) e dai ''Rifiuti chimici'' che rappresentano il 14,0% del totale dei rifiuti pericolosi prodotti, con 1,3 milioni di tonnellate. I rifiuti non pericolosi maggiormente prodotti risultano invece quelli da ''Rifiuti minerali della costruzione e della demolizione'', il cui quantitativo ammonta a 35,7 milioni di tonnellate (27,9% del totale di rifiuti non pericolosi).

Seguono le ''Terre e rocce da scavo'' con 15,1 milioni di tonnellate (11,8% del totale), i ''Rifiuti metallici ferrosi'' con 9,8 milioni di tonnellate (7,7%) ed i ''Rifiuti misti da impianti di trattamento dei rifiuti'' con quasi 9,6 milioni di tonnellate (7,5%). Nel 2010, i rifiuti speciali complessivamente gestiti in Italia sono stati circa 145 milioni di tonnellate, di cui 133 milioni (il 91,8% del totale) costituiti da rifiuti non pericolosi e i restanti 12 milioni (8,2%) da rifiuti pericolosi. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale