sabato 03 dicembre | 01:37
pubblicato il 09/lug/2011 15:25

Rifiuti, iniziati conferimenti da Napoli nelle discariche campane

A Benevento, Avellino e Caserta. In città 1.700 tonnellate

Rifiuti, iniziati conferimenti da Napoli nelle discariche campane

Dopo la firma del presidente della Regione Stefano Caldoro è operativa l'ordinanza che prevede il trasferimento dei rifiuti della provincia di Napoli: è dunque cominciato lo sversamento della spazzatura nelle tre discariche previste, Sant'Arcangelo Trimonte in provincia di Benevento, Savignano Irpino, in provincia di Avellino, e San Tammaro, nel Casertano. Proprio in quest'ultima sono cominciati i conferimenti, che secondo le previsioni dovrebbero riguardare 700 tonnellate in giornata. Il presidente della provincia di Caserta Domenico Zinzi, però, non è d'accordo con l'ordinanza di Caldoro e annuncia ricorso al Tar: nella discarica di San Tammaro, dice, non può arrivare la spazzatura di Napoli. In città sono 1.700 le tonnellate di rifiuti non raccolti per le strade, in aumento. Lo rende noto l'Asia, azienda speciale del Comune addetta all'igiene.

Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari