martedì 21 febbraio | 19:51
pubblicato il 16/lug/2011 11:00

Rifiuti, Caldoro: siano i sindaci a indicare aree per discariche

Decreto governo non risolutivo. De Magistris:soluzione all'estero

Rifiuti, Caldoro: siano i sindaci a indicare aree per discariche

Il governatore della Camapania, Stefano Caldoro lancia una proposta provocatoria ai sindaci del Napoletano per individuare e gestire in proprio siti di stoccaggio provvisori per far fronte all'emergenza rifiuti. Un appello all'autodeterminazione che suona come un richiamo alle amministrazioni locali - e a tempo stesso ai cittadini - ad assumersi le proprie responsabilità.L'idea di Caldoro parte da una valutazione negativa sul decreto del governo sull'emergenza rifiuti perché, dice, non incentiva, di fatto, le Regioni a contribuire allo smaltimento della spazzatura campana.Il piano del governatore tuttavia, non trova d'accordo il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. "Caldoro propone soluzioni a medio termine - dice l'ex magistrato - ma bisogna trovare soluzioni nell'immediato. Il Comune aumenterà i luoghi di trasferenza e stoccaggio provvisorio in città, ma concretamente la soluzione è all'estero".

Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Taxi
Protesta taxi e ambulanti a Roma, bloccata via del Corso
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia