sabato 21 gennaio | 16:31
pubblicato il 22/apr/2011 19:10

Rifiuti/ A Napoli sale temperatura,in strada sempre più sacchetti

Aumentano roghi e proteste dei cittadini

Rifiuti/ A Napoli sale temperatura,in strada sempre più sacchetti

Napoli, 22 apr. (askanews) - A Napoli venerdì santo tra rifiuti, roghi di cassonetti e cattivi odori emanati dall'immondizia depositata in strada. Nonostante l'approssimarsi della Pasqua sembra sfumare il buon proposito di ripulire la città per accogliere soprattutto turisti e visitatori. Restano molte le strade ancora invase dai sacchetti e non tutte in periferia. La cosiddetta 'city', che va da piazza Municipio alle aree limitrofe, vede campeggiare sui marciapiedi cumuli di spazzatura. Stessa situazione nella zona del museo archeologico nazionale ed anche in corso Umberto, lunga strada che conduce dalla Stazione Centrale fino in centro. Va un po' meglio nelle strade maggiormente frequentate dai turisti: sono state, infatti, ripulite sia via Duomo che la pedonale via Toledo. Intanto i cittadini sono sempre più esasperati, penalizzati anche dalle alte temperature che aumentano non solo gli insetti, ma anche i cattivi odori. Questa mattina al 'Rettifilo' un gruppo di napoletani ha rovesciato a terra una gran quantità di immondizia bloccando, di fatto, il traffico nella zona della stazione. Diventa sempre più critica anche la situazione sul fronte degli incendi dolosi. Nel corso della scorsa notte sono stati 40 gli incendi domati dai Vigili del fuoco non solo nel capoluogo campano ma anche nell'intera provincia di Napoli. Preoccupazione è stata ribadita dall'assessore all'Ambiente del Comune di Napoli Paolo Giacomelli che ha lanciato l'allarme non solo per la difficoltà e il rallentamento dei conferimenti nelle discariche e negli Stir, ma anche per il proliferare degli incendi dannosi per la salute. Sul fronte dei conferimenti, infatti, la situazione è piuttosto critica dal momento che in molti siti le vasche sono sature di frazione organica. Nella giornata di ieri sono state sversate 1.245 tonnellate di rifiuti, quantità però non sufficiente a ripulire le strade. Il biglietto da visita della città è certamente poco lusinghiero e l'Sos viene lanciato anche da Federalberghi Napoli che accusa sia la Regione Campania che la Provincia di avere abbandonato a se stessi gli operatori del turismo così come i suoi abitanti. Ma se c'è chi ancora protesta, d'altro canto ci sono anche molti cittadini che sembrano aver deciso di subire passivamente quanto sta accadendo, forse resi immuni da una emergenza che, periodicamente, si ripresenta da oltre 15 anni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4