domenica 04 dicembre | 01:35
pubblicato il 24/apr/2011 15:30

Rifiuti/ A Napoli Pasqua tra immondizia, via a prevenzione roghi

Ieri notte prime pattuglie del servizio voluto dalla prefettura

Rifiuti/ A Napoli Pasqua tra immondizia, via a prevenzione roghi

Roma, 24 apr. (askanews) - E' partito ieri notte il servizio di vigilanza e prevenzione notturno disposto dalla prefettura di Napoli per evitare i roghi dolosi ai cassonetti e ai cumuli di rifiuti accatastati nelle strade del capoluogo partenopeo. Le pattuglie speciali sono composte da polizia o carabinieri e da squadre dei vigili del fuoco. Un servizio sul territorio per contrastare non solo le ipotesi di incendi, ma anche per domare sul nascere piccoli focolai. Le pattuglie speciali vengono impiegate non solo nel centro della città ma anche nelle periferie o comunque in tutte quelle aree in cui, gli organi preposti, hanno individuato giacenze maggiori di rifiuti, visto che Napoli sta di fatto trascorrendo la Pasqua in una nuova emergenza-rifiuti. Ieri, nonostante gli sforzi compiuti, c'erano in terra 1.300 tonnellate di immondizia non raccolte: i mezzi dell'Asia rimuovono la spazzatura seguendo delle turnazioni e privilegiando le zone maggiormente attraversate da turisti e visitatori, ma i conferimenti procedono a rilento anche perché in alcuni impianti, come quello di Santa Maria Capua Vetere nel Casertano, ci sono ancora vasche piene.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari