mercoledì 07 dicembre | 20:06
pubblicato il 12/mag/2011 15:30

Rifiuti/ A Napoli cumuli in strada, roghi e proteste cittadini

Comune: si stima a terra vi siano 2.600 tonnellate

Rifiuti/ A Napoli cumuli in strada, roghi e proteste cittadini

Napoli, 12 mag. (askanews) - Sempre incandescente la situazione rifiuti a Napoli e provincia. Restano, infatti, i cumuli di immondizia in strada, aumentano i roghi dolosi di cassonetti e cresce l'esasperazione dei cittadini costretti a vivere tra cataste di spazzatura maleodorante e topi. Nonostante gli sforzi compiuti dai mezzi della Asia e da quelli dell'esercito, il Comune di Napoli stima che, solo nel capoluogo campano questa mattina, vi siano 2.600 tonnellate di rifiuti non raccolti. La situazione è più drammatica nella zona orientale della città dove vi sono oltre 800 tonnellate. Anche nei quartieri Fuorigrotta e Bagnoli la crisi non va meglio: a terra ci sono circa 400 tonnellate. Intanto, nel corso della notte, sono stati oltre 40 gli interventi dei vigili del fuoco che hanno dovuto domare fiamme dolose appiccate a montagne di spazzatura. Gli incendi hanno riguardato un po' tutti i quartieri cittadini, ma soprattutto il litorale Flegreo e l'aria nord del napoletano. Fiamme anche nella cosiddetta 'City' di Napoli dove in via Bracco è stata danneggiata anche un'auto parcheggiata vicino ad alcuni cassonetti incendiati. Un rogo che si è sviluppato a poca distanza dalla casa del sindaco uscente Rosa Russo Iervolino. L'esasperazione ha portato questa mattina anche scompiglio nella a Chiaia, zona bene della città. Qui i cittadini hanno sparpagliato in strada alcuni sacchetti di immondizia e rovesciato cassonetti, generando una paralisi nel traffico veicolare. "Fino alle 8 di questa mattina siamo riusciti a smaltire 700 tonnellate distribuite tra i siti di Tufino, Giugliano e Chiaiano - ha detto l'assessore all'Igiene urbana del Comune di Napoli Paolo Giacomelli - ieri siamo andati abbastanza bene, ma la situazione resta grave. Siamo, però, riusciti a contenere le lunghe file di autocompattatori fuori le discariche dal momento che, in accordo con Asia, abbiamo deciso di lasciare parcheggiati i camion negli autoparchi e di farli uscire dieci alla volta. ovvio - ha aggiunto - che non è possibile prevedere quando la situazione tornerà alla normalità anche perché domenica pomeriggio ci sarà la chiusura, come tutti i giorni festivi, degli impianti". Ma se Napoli piange la provincia non ride. All'alba alcuni compattatori pieni di rifiuti, provenienti da Napoli sulla strada statale 268, sono stati bloccati all'ingresso della discarica Sari di Terzigno. In una nota le 'Mamme vulcaniche' e i 'giovani verdi' hanno sottolineato come gli autocompattatori perdessero percolato. I comitati che si oppongono alle discariche nel Vesuviano rimproverano al presidente Berlusconi di non aver mantenuto le promesse, di chiudere la discarica e Regione Campania e Provincia di Napoli di non aver fatto nulla per risolvere l'emergenza rifiuti.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni