lunedì 23 gennaio | 09:32
pubblicato il 28/apr/2011 16:36

Rifiuti/ A Napoli cresce esasperazione, a terra 1.750 tonnellate

Disappunto del procuratore Lepore e del cardinale Sepe

Rifiuti/ A Napoli cresce esasperazione, a terra 1.750 tonnellate

Napoli, 28 apr. (askanews) - Resta grave la crisi rifiuti a Napoli. Nel capoluogo campano questa mattina erano circa 1.750 le tonnellate di immondizia non raccolte sparpagliate un po' ovunque nei quartieri cittadini. Dati che sottolineano un leggero miglioramento rispetto a ieri quando in giacenza vi erano 2mila tonnellate. La situazione peggiore è quella della zona orientale, ma anche i quartieri di Pianura, Soccavo e Fuorigrotta registrano una notevole sofferenza. L'esasperazione dei cittadini, aggravata anche dalle alte temperature, oggi si è incrociata anche con una protesta di alcuni abusivi che hanno tentato di accedere al mercato rionale di via Livio Andronico, nel rione Traiano. Una protesta che ha portato all'incendio di numerosi cumuli di rifiuti e alla minaccia, da parte di alcune donne, di darsi fuoco dopo essere salite sul tetto del mercato con alcune taniche di benzina. Contemporaneamente in via Cinthia, alcuni cittadini hanno rovesciato dei cassonetti lungo l'arteria stradale provocando disagi alla circolazione. Un modus operandi che, già nei giorni scorsi, aveva creato difficoltà in altre aree del capoluogo: ieri la protesta ha riguardato le strade a ridosso di via Toledo mentre nei giorni scorsi si sono registrate scene simili al Corso Vittorio Emanuele e al Corso Umberto. Proprio per evitare problemi di ordine pubblico e il degenerare dell'esasperazione degli abitanti scongiurando problemi di viabilità ieri è stata istituita una task force nel corso di un Comitato in Prefettura al quale hanno preso parte politici e vertici delle forze dell'ordine. Sempre per volere del prefetto Andrea De Martino continua il lavoro congiunto di vigili del fuoco e forze dell'ordine anche per scongiurare roghi dolosi che, nonostante i maggiori controlli, continuano a imperversare soprattutto di notte. Intanto anche il procuratore capo di Napoli Giandomenico Lepore e l'arcivescovo Crescenzio Sepe hanno espresso il proprio disappunto in merito a quanto sta avvenendo in città sul fronte rifiuti. "Si continua a non fare niente per risolvere questa situazione - ha attaccato il capo della Procura di Napoli Giandomenico Lepore - la gente è esasperata e non più sopportare quello che sta accadendo. E' da tempo che dico che bisogna prendere provvedimenti ma a volte vengo persino attaccato per questo. L'emergenza rifiuti è anche un'emergenza sanitaria". Il cardinale Crescenzio Sepe, invece, ha fatto appello alle istituzioni affinché ognuno "faccia la propria parte per cancellare questa vergogna dalla nostra città". Un'emergenza che è "l'unica realtà a essere esportata all'estero". Una rappresentazione "negativa" che sporca "anche la faccia di tanti cittadini onesti che non possono e non devono riconoscersi in questa situazione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4