sabato 03 dicembre | 13:00
pubblicato il 10/mar/2014 20:32

Ricerca: terremoto, la 'percezione' dell'evento non e' uguale per tutti

Ricerca: terremoto, la 'percezione' dell'evento non e' uguale per tutti

(ASCA) - Roma, 10 mar 2014 - La percezione degli eventi sismici non e' uguale per tutti. Le persone ferme ai piani alti delle case avvertono piu' chiaramente un terremoto anche a grande distanza dall'epicentro. In generale chi e' fermo ha la percezione migliore, mentre chi e' in movimento avverte di meno il terremoto. Diverso e' per chi dorme che, invece, ha una percezione intermedia. A dirlo uno studio realizzato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), pubblicato su Seismological Research Letters (SRL).

''Il contributo volontario della popolazione'', spiega Paola Sbarra, ricercatrice dell'Ingv, ''ha permesso di analizzare la percezione dei terremoti in funzione della ''condizione' e ''ubicazione' dell'osservatore, ovvero se al verificarsi dell'evento sismico e' fermo, in movimento o dorme oppure se si trova in casa al piano terra, a un piano alto o all'aperto''. Le persone, infatti, si possono considerare strumenti piu' o meno sensibili allo scuotimento di un terremoto.

''Analizzando 250.000 questionari macrosismici raccolti tramite il sito web dell'Ingv www.haisentitoilterremoto.it, e' stato possibile, con metodologie statistiche, rilevare il peso maggiore della condizione rispetto all'ubicazione nella percezione dello scuotimento leggero o moderato generato da un terremoto'', continua Sbarra. Un evento sismico viene avvertito piu' chiaramente da persone ferme all'aperto piuttosto che da persone in movimento ai piani alti delle case.

''Questo risultato'', afferma Patrizia Tosi, ricercatrice Ingv, ''e' una novita' rispetto a quanto asserito dalle scale macrosismiche, che considerano l'ubicazione piu' importante della situazione, permettendo, quindi, di migliorare la valutazione dei gradi bassi di intensita'''. Il sito www.haisentitoilterremoto.it raccoglie le osservazioni dei cittadini sugli effetti dei terremoti avvertiti in Italia. E' attivo dal 2007 e ha archiviato finora ben 640.000 questionari riguardanti 7.400 eventi sismici.

''Sul sito sono consultabili, in tempo quasi reale, le mappe dei risentimenti dei terremoti in scala Mercalli e nella scala macrosismica europea'', conclude Valerio De Rubeis, ricercatore Ingv. ''Sono inoltre mostrate le mappe della percezione dell'effetto acustico e i grafici dell'attenuazione dell'intensita' macrosismica''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari