venerdì 20 gennaio | 03:37
pubblicato il 19/apr/2011 14:00

Ricerca/ Nel Piano nazionale anche il nucleare e satellite-spia

Presentato dalla Gelmini, dal Cipe 1,7 mld per triennio 2011-2013

Ricerca/ Nel Piano nazionale anche il nucleare e satellite-spia

Roma, 19 apr. (askanews) - Un avveniristico acceleratore per elettroni e positroni ad alta luminosità. Lo sviluppo della scienza della vita tramite avanzamenti nella teoria di sequenziamento del Dna e dell'Rna. Una ricerca scientifica e tecnologica dedicata al mare. Un sistema di comunicazione satellitare per scopi istituzionali. Ma anche un avanzamento nei progetti per la costruzione di centrali nucleari e un 'satellite-spia' ad altissima risoluzione. Sono alcuni dei 14 'progetti bandiera' del Piano nazionale della Ricerca (Pnr), presentato oggi a Roma dal ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini e per il quale il CIPE per il triennio 2011-2013 ha già stanziato 1,722 miliardi di euro. Il Pnr prevede anche 8 progetti "di interesse" e stabilisce "indirizzi e strategie" da adottare nei settori della ricerca per il rilancio dell'economia e dello sviluppo italiani e sarà finanziato con risorse proprie degli enti di ricerca (una quota del 7% del loro fondo di finanziamento) e con una quota del Fondo di agevolazione e ricerca (Far). Nel piano ci sono anche due progetti che potrebbero far discutere. Il primo (curato da Enea, Cnr e Istituto nazionale di fisica nucleare: costo circa 14 milioni di euro) riguarda l'ambito nucleare: è "orientato al rafforzamento del sistema energetico nazionale insufficiente a soddisfare la crescente e inevitabile domanda di energia" e tra gli obiettivi a breve termine si propone la "realizzazione di reattori a elevato grado di sicurezza, la ricerca sui siti, la ricerca sulle soluzioni tecnologiche per lo smaltimento dei rifiuti". Tra gli obiettivi a medio-lungo periodo ci sono invece "nuovi reattori di IV generazione e neutroni veloci, con standard di sicurezza elevatissimi". L'altro progetto è un satellite ottico per il telerilevamento (100 mln, sviluppato da Miur, Ministero della Difesa e Agenzia spaziale italiana) utilizzabile per scopi civili e militari: un mini satellite con a bordo di un sistema ottico ad altissima risoluzione per l'osservazione terrestre ad alta risoluzione spaziale e temporale. Una sorta di satellite-spia, quindi, che ha come obiettivo l'aumento della tecnologia satellitare e della strumentazione "non convenzionale" e che sarà integrato alle capacità dei due satelliti Cosmo Skymed II Generation (altro progetto del Pnr) con radar in Banda X. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Maltempo
Prot. Civile: due le vittime accertate all'Hotel Rigopiano
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale